satana rothschild SPA Arab League sharia OGM WW3

voi dovete abituarvi a fare a meno di me! IO MI STO PREPARANDO AD USCIRE DA INTERNET: perché la metafisica: è la verità della LEGGE Naturale e Universale, quindi SONO pura razionalità! Lasciando internet: IO DEVO DIMOSTRARE LA POTENZA METAFISICA DI QUESTO MINISTERO POLITICO UNIVERSALE ED ETERNO: il Regno di Dio JHWH e delle 12 Tribù di Israele: attraverso: la comunicazione spirituale: con tutte le persone che Dio JHWH ha creato (terrestri, inferno paradiso e anime sante del puratorio), e, quindi, esercitando: 1.il giudizio, 2. la condanna, e, 3. la sentenza di morte: cioè, uccidendo con più efficacia, perché, non inutilmente il potere politico porta la spada!

[07:20, 10/3/2016] +39 320 570 8054: SE VUOI ESSERE UN RIVOLUZIONARIO SOVVERSIVO, DEVI ESSERE O UN CRISTIANO O UN EBREO: INFATTI, IL NUOVO ORDINE MONDIALE CALIFFATO SHARIA SPA FED BCE FMI: DEI GENDER DARWIN PEDOFILI POLIGAMI IN SODOMIA PERVERSIONI SESSUALI: ANTICRISTO OBAMA ERDOGAN MERKEL SALMAN? EBREI E CRISTIANI LI UCCIDE TUTTI!
[07:21, 10/3/2016] +39 320 570 8054: PERCHé, voi VI MERAVIGLIATE CHE IO HO DETTO: ""Islam non è mai stata una religione di pace!"" non avete mai letto i libri di storia? non accendete mai un telegiornale? ANZI, IO VI DICO: "ISLAM NON è MAI STATA UNA VERA RELIGIONE", INFATTI è UN SISTEMA POLITICO CRIMINALE SHARIA! Ma Islam dichiarandosi religione condanna a distruzione tutte le religioni del mondo, che è quello che i satana farisei massoni hanno deciso di fare nella loro agenda Talmud, perché, sono personalità giuridiche SpA luciferini kabbalah!
=========================

GMOS Allarme OGM Monsanto in Italia [ ogni Costituzione afferma che il potere è del popolo! Quindi non esistone persone giuridiche! NON SI PUÒ METTERE UN BREVETTO OGM, SU NESSUNA FORMA DI VITA, LA VITA E LE RISORSE DEL PIANETA SARANNO SEMPRE DI PROPRIETÀ INALIENABILE DEGLI UMANI VIVENTI TUTTI, ECCO PERCHÉ CON QUESTA AFFERMAZIONE SONO ABOLITE TUTTE LE PERSONALITÀ GIURIdiCHE! ] https://youtu.be/BHbW1Qpf_uE Pubblicato il 25 giu 2013 C'è un'emergenza OGM in corso. Scrivendo ora al Ministro della Salute Lorenzin puoi aiutarci a scongiurare il rischio di contaminazione transgenica in Italia. La storia è questa: pochi giorni fa in Friuli un esponente del "Movimento Libertario" ha seminato in due campi mais transgenico della Monsanto, il MON810, e ora minaccia di ripetere l'operazione in altre Regioni. Non possiamo permettere che queste piante di mais OGM fioriscano perchè il loro polline contaminerebbe campi vicini e lontani, trasportato dal vento e dagli insetti. La diffusione degli OGM sarebbe una condanna a morte per l'agricoltura italiana. Niente più aziende agricole biologiche e tradizionali, ma monopolio assoluto delle coltivazioni transgeniche. Gli effetti sugli ecosistemi sarebbero irreversibili: gli OGM sono organismi viventi e possono riprodursi e moltiplicarsi, sfuggendo a qualsiasi controllo. Gli OGM fermano il progresso perché orientano la ricerca verso la direzione sbagliata: adattare gli organismi viventi alle esigenze della chimica. Il futuro dell'agricoltura è legato, invece, a una produzione alimentare sostenibile in armonia con l'ambiente e priva di residui chimici. Per proteggere la biodiversità, i campi e la nostra sicurezza alimentare bisogna agire subito e bloccare la contaminazione OGM. Cosa puoi fare tu? Chiedi subito al Ministro della Salute Lorenzin di adottare misure di emergenza in grado di fermare la coltivazione di OGM.
Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale!
http://www.greenpeace.org/italy/Allarme-OGM-in-Italia
Facebook: http://t.co/vPGNjPFS
Daily: http://t.co/Pe345x83
YouTube: http://t.co/fWVRmBUPLa
=================
il sacerdote di satana Bush, impugna la scimitarra sharia: che, ha ucciso ed uccide: su sua disposizione, da 30 anni, ogni giorno, 300 martiri cristiani innocenti e pacifici. ogni giorno, e Bush 322 NWO OGM SPA FED, ride con SALMAN Saudi Arabia, ma, 1. i martiri cristiani vi aspettano all'ingresso del Regno di Dio per prendervi a calci nelle palle, ma, voi dovrete comparire davanti al mio tribunale ed alla mia giustizia, già: oggi!
========
e chi è quel sacerdote di satana, di origine polacche, che nel NWO, ha deciso di attaccare la Russia dalla Polonia, utilizzando missili nucleari tattici? C'è una foto, in cui è lui che da il mitra a Bin LADEN, quando era giovane, all'inizio della sua carriera terroristica! Proprio come John Sidney McCain III, è un politico statunitense, senatore per lo stato dell'Arizona, che incontra il Turchia, brāhīm ʿAwwād Ibrāhīm ʿAlī al-Badrī al-Sāmarrāʾī o semplicemente Ibrāhīm al-Badrī è un terrorista iracheno, noto universalmente come Abū Bakr al-Baghdādī, sedicente califfo dell'autoproclamato Stato Islamico, quello che sarà, che dovrà essere: il Califfo del DAESH ISIS sharia ] [ Gli USA e Sauditi: pinificano e miNAcciano di distruzione nella LEGA ARABA, NATO e CIA, il massacro del genere umano!
===============
IL COMITATO DEI 300 e il Nuovo Ordine Mondiale ] LA POTENZA DI UNA IMMAGINE! [ Quest Comitato dei 300, è citato nelle comunicazioni di Brian Kelly nell’articolo precedente OPPT – Strategie Scenari Mondiali, come uno dei protagonisti sulla scena mondiale. Brian dice, riferendosi ai documenti: “5. In alcuni punti vi è menzione al “Nuovo Ordine Mondiale” e al “Comitato dei 300″. Si riferiscono alla chiusura di questi sistemi e gruppi”. Per capire meglio chi sono e come agiscono eccovi la lista dei 300, tratto da: Dr. John Coleman, ex ufficiale dell’Intelligence britannica. L’Articolo è un pò lungo, ma è molto interessante. Se volete sapere chi sono i 300, basta digitare il loro singolo nome su google.
Buona Lettura – Dedé. http://unicouniverso.altervista.org/oppt-il-comitato-dei-300/
==================
COME POTER DIRE TANTE COSE ATTRAVERSO UNA IMMAGINE!
nel motore di ricerca tu dovresti cercare tra le immagini, "simbolo econometrico di valore indotto"
https://www.google.it/search?q=simbolo+econometrico+di+valore+indotto&client=ubuntu&hs=AYm&channel=fs&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwi5x5mDs7TLAhWIXSwKHUoiCzIQ_AUIBygB&biw=1301&bih=671#tbm=isch&q=simbolo+econometrico+di+valore+indotto
=======
HO LETTO CHE GRAZIE AL LAVORO DEGLI IMMIGRATI È POSSIBILE PAGARE 12000 PENSIONI IN ITALIA ] 1. [ ok, chi ha rubato i contributi di quei 12000 lavoratori? ] 2. [ quindi i nostri nipoti pagheranno le pensioni a questi immigrati! ] 3. [ CHE FINE HA FATTO IL POPOLO ITALIANO? CHE COSA GLI AVETE FATTO? ] 4. [ IN BASE A QUALE REFERENDUM MASSONICO D'ALEMA, è STATA FATTA QUESTA CRIMINALE SCELTA POLITICA ERDOGAN?
==================
è interessante  notare come gli islamici possono facilmente cambiare bandiera ( la grande famiglia ummah sharia dei nazisti razzisti sgozzatori) e deresponsabilizzare i loro omicidi, mentre tutti gli islamici sharia della LEGA ARABA deveono essere condannati a morte! Un archivio con 22.000 nomi e dati personali di presunti jihadisti dell'Isis originari di 51 Paesi e' stato consegnato a Sky News da un sedicente pentito dell'organizzazione indicato col nome di facciata di Abu Ahmed. Si tratterebbe di formulari compilati da aspiranti adepti al momento dell'adesione. Secondo la tv, i file, memorizzati in una chiave usb, sono stati trafugati da un ex miliziano anti-Assad del cosiddetto Esercito siriano libero passato poi nelle file del Califfato e infine dichiaratosi "deluso" anche dall'Isis.
=================
[ ISLAM è JIHAD ED è SHARIA, NON è MAI STATA UNA RELIGIONE DI PACE! ] FARISEI MASSONI SATANISTI ONU SPA FED NWO, AVVANTAGGIANO ISLAM SHARIA: LA NEGAZIONE DI OGNI DIRITTO UMANO, PER DISTRUGGERELA LA CIVILTÀ EBRAICO CRISTIANA: CHE È L'UNICO ANTIDOTO ALLA RELIGIONE DI LUCIFERO: LA RELIGIONE DEL NWO TALMUD E KABBALAH! IO HO PROVATO A SPIEGARE AGLI ISLAMICI CHE QUESTA È UNA TRAPPOLA, MA, PER LORO FINCHÉ SI POSSONO UCCIDERE I CRISTIANI INNOCENTI? VA BENE COSÌ! John Kerry è diventato un imam? [ ISLAM è JIHAD ED è SHARIA, NON è MAI STATA UNA RELIGIONE DI PACE! ] febbraio 12, 2016 Leone Grotti. Il segretario di Stato americano è così impegnato a difendere l’islam che ora chiama «apostati» tutti quelli che secondo lui non sono «veri musulmani». Ma così fa il gioco dell’Isis. Leggi di Più: John Kerry è diventato un imam? «Daesh non è altro che un insieme di assassini, rapitori, criminali, banditi, trafficanti, ladri. Ma soprattutto sono degli apostati, individui che hanno sequestrato una grande religione, che mentono sul suo reale significato e sul suo scopo e ingannano le persone». Queste parole non sono state pronunciate da un musulmano, un imam o un esperto di religione islamica ma dal segretario di Stato americano John Kerry. KERRY “SALAFITA”. Il discorso pronunciato a Roma pochi giorni fa, però, ha fatto storcere il naso a molti musulmani. Un popolare attivista, Nasser Weddady, l’ha accusato di takfirismo, una parola usata per descrivere quei musulmani sunniti che accusano gli altri di apostasia, come ad esempio i salafiti, i membri dello Stato islamico o di Al-Qaeda. «Sono confuso», ha scritto ironico l’attivista. Tempi.it
=======================
revenge Yitzhak Kaduri [ my holy JHWH ] [ tra pochi giorni, potrebbe finire il mio lavoro di sistemazione dei blog! POI, MI VADO A CERCARE UN SECONDO LAVORO! ma, se i satana soffriranno per mia assenza, questo non è un mio problema, io li ho attesi ma loro non sono venuti! no, questa storia non può durare in questo modo!
revenge Yitzhak Kaduri [ said ] IN GOOGLE+ non mi parla nessuno, e i MIEI COMMENTI, SONO INVISIBILI A TUTTI, ma questo non è un problema per me, perché io sono quell'UNIUS REI che vi ha già condannato a morte!! LA APPLICAZIONE DELLA MIA SENTENZA, poi, È SOLTANTO UN EVENTO INEVITABILE E TEMPORALE!
revenge Yitzhak Kaduri [ #SALMAN, #ERDOGAN ] Caino, dove è il tuo cittadino, il tuo compatriota cristiano Abele? ORA NON TI RESTA CHE ANDARE ALL'INFERNO, PERCHÉ NON POTREBBE MAI ESISTERE UNA RELIGIONE SALVIFICA. I FARISEI SALAFITI? TI HANNO INGANNATO!
=================
I PRIMI TRE PUNTI dell'accordo di MINSK (clausole di accordi occultati e tenuti segreti)? sono di competenza KIEV! ed È la loro non adempienza CHE, impedisce le nuove elezioni nel Dondass ( il dovere: che il Donbass deve adempiere ), però è la Russia che viene colpita con le sanzioni, ed è la EUROPA che ne paga le conseguenze! .. QUALCUNO MI SA TROVARE LA LOGICA IN TUTTO QUESTO? ecco, perché, IO HO DECISO DI CONDANNARE A MORTE TUTTI I POLITICI EUROPEI PER ALTO TRADIMENTO! Donetsk accusa l'Ucraina: carri armati e blindati verso il confine. 09.03.2016 Le forze di sicurezza ucraine hanno trasferito verso la linea di contatto del Donbass i lanciarazzi multipli "Smerch", carri armati e veicoli blindati, ha dichiarato oggi il vice comandante delle milizie dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk Eduard Basurin. "Negli ultimi giorni le nostre unità di ricognizione hanno raccolto informazioni sull'accumulo di mezzi militari e uomini nei pressi della linea di contatto. Per esempio nella zona di Avdeevka è stato segnalato l'arrivo di 4 carri armati e 40 veicoli blindati, nella zona di Ugledar sono giunti 6 lanciarazzi multipli "Smerch", "- ha detto Eduard Basurin, segnala "RIA Novosti". Ha aggiunto che le informazioni sul dispiegamento delle armi pesanti verranno notificate all'OSCE. Nell'aprile 2014 il governo ucraino ha lanciato un'operazione militare contro le autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk (DNR) e Lugansk (LNR), dopo che avevano dichiarato l'indipendenza dopo il colpo di stato in Ucraina di febbraio del 2014. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, le vittime dall'inizio del conflitto sono più di 9mila persone: http://it.sputniknews.com/mondo/20160309/2238120/Donbass-Kiev-OSCE-Basurin-DNR.html#ixzz42Pe67qvH
 revenge Yitzhak Kaduri

Per il Cremlino è inammissibile introdurre le sanzioni contro Putin, 09.03.2016 ] è vero: VOGLIONO OTTENERE A TUTTI I COSTI LA GUERRA MONDIALE, E LA FANNO SPORCA ANCHE [ Al Cremlino ritengono inaccettabile la richiesta di imporre le sanzioni contro il presidente Vladimir Putin ed altri cittadini e funzionari russi, ha affermato il portavoce del capo di Stato Dmitry Peskov, segnala “RIA Novosti”. "Non possiamo che biasimare i tentativi di interferire nei processi giudiziari che si svolgono nel nostro Paese in stretta conformità con la legislazione russa", — ha detto.
Ha osservato che vale anche per il caso Savchenko. Peskov ha aggiunto che "ogni ingerenza è inaccettabile."
In precedenza era stato riferito che alcuni eurodeputati avevano inviato al capo della diplomazia UE Federica Mogherini la "lista Savchenko," che comprende il presidente russo Vladimir Putin, il direttore del Servizio Federale di Sicurezza (FSB, servizi segreti russi) Alexander Bortnikov, il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov, così come il direttore del Comitato Investigativo Alexander Bastrykin ed altre 25 persone: http://it.sputniknews.com/politica/20160309/2237728/UE-Mogherini-Europarlamento-Savchenko-Russia.html#ixzz42PcknVe4
 revenge Yitzhak Kaduri

Peskov: Continuiamo ad avere fiducia nelle indagini e pensiamo che lo sport debba sempre rimanere fuori dalla politica. È PIÙ CHE UN TRAGICO SOSPETTO, QUESTA DONNA È PUNITA PERCHÉ È RUSSA: INFATTI, LA VICENDA (se non viene analizzata, anche, per le sue attenuanti) STA ASSUMENDO UN CARATTERE PERSECUTORIO E NON SOLTANTO MERAMENTE SANZIONATORIO! La Russia continua ad essere contro la politicizzazione dello sport e crede che i tentativi di utilizzare lo sport come strumento politico siano inaccettabili. È quanto ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov riferendosi al recente scandalo doping che ha coinvolto la star del tennis russa Maria Sharapova: http://it.sputniknews.com/mondo/20160309/2237144/doping-sharapova-sport.html#ixzz42PbWW2WZ
 revenge Yitzhak Kaduri

comunità internazionale non ha niente da dire, circa, il sharia nazismo dei Palestinesi, la loro istigazione all'odio e all'omicidio, falso in bilancio, truffa alla comunità internazionale, soffocamento di diritti civili e sindacali. LA OMERTÀ CONTRO I DELITTI DELLA SHARIA, RICADE COME INFAMIA CONTRO ONU, E CONTRO TUTTI I GOVERNI DEL PIANETA! LA SHARIA NEGA TUTTI I VALORI SANCITI IN MODO SOLENNE DALLE NAZIONI UNITE nel 1949, PRIMO FRA TUTTI LA UGUAGLIANZA TRA L'UOMO E LA DONNA! Quel gruppo di storici americani che ha improvvisamente perso la parola
Evidentemente non gliene importava nulla degli studenti palestinesi: semplicemente ce l’hanno a morte con Israele [ Stephen M. Flatow, autore di questo articolo ] Un gruppo di professori universitari americani ha mostrato il proprio vero volto per quanto riguarda Israele. I lettori ricorderanno quei 126 storici che, non molto tempo fa, tentarono (invano) di spingere l’American Historical Association a condannare solennemente Israele perché, coi suoi controlli di sicurezza, “ostacola lo spostamento degli studenti palestinesi”. Ebbene, ora è l’Autorità Palestinese che crea posti di blocco che sbarrano la strada agli insegnanti palestinesi, eppure – l’avreste mai detto? – quegli indignatissimi storici americani hanno improvvisamente perso la parola. Gli impegnatissimi 126 storici avevano presentato la loro proposta di risoluzione al Congresso dell’Associazione Storica Americana dello scorso gennaio ad Atlanta. Sostenevano che a volte i controlli di sicurezza israeliani causano agli studenti palestinesi ritardi “di 15 minuti e anche più”, e che questi ritardi evidentemente “intralciano l’attività didattica negli istituiti palestinesi di istruzione superiore”. Oggi scopriamo che il vero ostacolo all’istruzione palestinese è il comportamento dell’Autorità Palestinese. Più di 20.000 insegnanti della scuola pubblica palestinese sono in sciopero perché l’Autorità Palestinese non ha rispettato un accordo raggiunto nel 2013 con l’Unione Insegnanti palestinesi. Gli aumenti salariali e gli scatti di carriera previsti dall’accordo non sono mai stati applicati. L’Autorità Palestinese sostiene di non avere abbastanza soldi per pagare gli insegnanti. Eppure l’Autorità Palestinese mantiene una delle forze di sicurezza più grandi del mondo in proporzione al numero di abitanti. Basta pensare che più della metà di tutti i dipendenti dell’Autorità Palestinese sono impiegati nelle forze di sicurezza. Ebbene, uno dei compiti per i quali l’Autorità Palestinese ha bisogno di una così imponente forza di sicurezza è quello di arrestare gli insegnanti. Il mese scorso la polizia di Abu Mazen ha arrestato 20 insegnanti e due dirigenti scolastici per il “crimine” d’aver partecipato a una manifestazione a sostegno dei docenti in sciopero. Di certo questa notizia non sorprenderà chi avesse già letto, ad esempio, il rapporto annuale del Dipartimento di Stato americano sui diritti umani in tutto il mondo. L’edizione più recente afferma che sotto l’Autorità Palestinese vigono gravi “restrizioni alla libertà di parola, di stampa e di riunione” e si registrano “limitazioni alla libertà di associazione e di movimento”.
Ora Ha’aretz riferisce che “i servizi di sicurezza dell’Autorità Palestinese hanno creato un anello di posti di blocco per impedire agli insegnanti di partecipare a manifestazioni” a sostegno degli scioperanti. Come come? Posti di blocco? Palestinesi ostacolati? Attività didattiche interrotte? Quei 126 storici americani dovrebbero essere furibondi. E lo sarebbero, infatti, se non fosse per la sconveniente circostanza che responsabile di questo sconquasso è l’Autorità Palestinese, non Israele. Ma sappiamo che gli ipercritici di Israele sono strutturalmente incapaci di criticare la dirigenza palestinese qualunque cosa faccia. Manifestazione per il boicottaggio accademico di Israele in un campus Americano. Sul cartello “Tutto è illegale” Manifestazione per il boicottaggio accademico di Israele in un campus americano. Sul cartello “Tutto ciò che riguarda Israele è illegale” Quei nobili educatori non protestavano perché importasse loro qualcosa degli studenti universitari palestinesi: sono semplicemente contro Israele e il fatto stesso che Israele esista. Ignobili. (Da: Times of Israel, 8.3.16) Scrive Khaled Abu Toameh: «Quello che sta realmente accadendo è che i docenti stanno scoperchiando la corruzione dell’Autorità Palestinese. Accusano il Ministero della pubblica istruzione palestinese di sprecare i fondi dei paesi donatori e di ingannarli gonfiando il numero degli insegnanti: sostengono che l’elenco degli impiegati (circa 56.000) teoricamente alle dipendenze del Ministero contiene molti nomi fittizi e del personale amministrativo del ministero. Gli insegnanti accusano inoltre l’Autorità Palestinese di mentire ai paesi donatori circa i loro stipendi, comunicando stipendi più alti di quelli che gli insegnanti ricevono effettivamente. In altre parole, gli insegnanti stanno rivelando come l’Autorità Palestinese faccia passare per fessi i paesi donatori». Il che spiega «la reazione isterica della dirigenza palestinese per lo sciopero degli insegnanti in corso in Cisgiordania.» «Il Ministero delle finanze dell’Autorità Palestinese – spiega Abu Toameh – deve ancora pubblicare il bilancio generale per gli anni 2015 e 2016. L’ultima volta che il bilancio è apparso sul sito ufficiale del Ministero è stato nel 2014. In realtà, nessuno sa quanti palestinesi sono sul libro paga dell’Autorità Palestinese. I paesi donatori potrebbero non essere a conoscenza, ad esempio, che stanno pagando più di 50.000 dipendenti dalla striscia di Gaza per non lavorare. E’ così perché nel 2007, quando Hamas prese il controllo su Gaza, l’Autorità Palestinese reagì ordinando a tutti i suoi dipendenti di boicottare Hamas e promise di pagare i loro stipendi per intero purché se ne restassero a casa.» (Da: gatestoneinstitute.org, 8.3.16)
 revenge Yitzhak Kaduri

I COMUNISTI: NAPOLITANO D'ALEMA, VELTRONI, IL LORO PADRE BERTINOTTI? NELLA MASSONERIA DEI FARISEI SPA BCE, SPA FMI, SPA FED, HANNO CREATO IL "SISTEMA" CHE OGGI, È DIVENTATA UNA "ENTITÀ VIVENTE": IL NWO! QUESTA È UNA PROLUNGAZIONE ORGANICA DEL CORPO DI LUCIFERO, CHE HA LA RESIDENZA ALL'INFERNO, E CHE, INVECE, COME SATANA BUSH E ROTHSCHILD tutti gli AZIONISTI BANCHE CENTRALI SpA ORA, HAnno IL DOMICIDIO in quasi tutte le ISTITUZIONI E NELLE RELIGIONI DI QUESTO PIANETA: quindi, attraverso un massacro immane, specificato: da questa già iniziata terza guerra mondiale, cercano di esautorare sempre di più, i politici per sostituirli con i tecnici, che sono: sempre alti funzionari della massoneria e delle Banche CENTRALI!
 revenge Yitzhak Kaduri

voi non avete la capacità di ragionare attraverso, la scienza di satana e del suo FMI SPA NWO! GLI USA DELIBERATAMENTE, STANNO DIFFONDENDO BOMBE ATOMICHE, IN TUTTE LE NAZIONI, PERCHÉ IL LORO OBIETTIVO È: "CANCELLARE OGNI FORMA DI VITA, SULLA SUPERFICIE DEL PIANETA!" quindi, SOLTANTO LA FRATELLANZA UNIVERSALE: di: UNIUS REI PUÒ SALVARVI DALLA ESTINZIONE! MA, VOI VOLETE CHE DIO HOLY JHWH, lui SUPPORTAVA IL MIO MINISTERO politico universale UNIUS REI, SE VOI NON STATE PER MORIRE TUTTI? Voi non potete immaginare: la quantità ed il numero, delle città sotterranne e i suoi abitanti di: mutanti ibridi zombies e alieni che la CIA gestisce! QUELLO SI, CHE IL REGNO DI SATANA, COME ALL'INFERNO COSÌ SULLA TERRA! GLI USA SARANNO DISINTEGRATI DA DIO, NON ESISTE UNA POSSIBILITÀ PER POTER SALVARE DAL SATANISMO QUESTA NAZIONE! Iran testa missili balistici. 08.03.2016 I test missilistici si sono svolti sotto lo slogan: «Una dimostrazione di forza, di solida sicurezza all'ombra dell’unità, della comunanza di idee, del consenso e di un linguaggio comune» http://it.sputniknews.com/mondo/20160308/2231243/iran-test-missili.html#ixzz42KT2lKuy
 revenge Yitzhak Kaduri

ok, se si tratta di un equivoco, allora, è una tempesta in un bicchiere! Quindi, facciamoli incontrare per l'ultima volta questi 2 piccioncini! PERÒ A QUESTO INCONTRO, è necessario: CI DEVO ESSERE IO: questa volta, PER DIRE A TUTTI COME SONO ANDATE LE COSE VERAMENTE, anche perché io ho da fare delle domande ad entrambi! ] [ "Siamo stati sorpresi di aver appreso innanzitutto attraverso i media che il primo ministro invece di accettare il nostro invito ha optato per la cancellazione della visita — ha lamentato Ned Price, portavoce del National Security Council — le informazioni secondo cui non siamo stati in grado di venire incontro all'agenda del primo ministro sono false".
 revenge Yitzhak Kaduri

http://www.ansa.it/webimages/img_457x/2016/3/8/6fb8db6e93a5cb8cd66935495b174267.jpg ] [ Erdogan è un ISLAMICO RAZZISTA SUPREMATISTA: NAZISTA IDEOLOGIA salafita saudita GENOCIDIO, tutto dogmatico teocratico: come da coerente teologia della sostituzione (Islam sostituisce tutte le religioni del mondo: come la Cupola della ROCCIA sostituisce il TEMPIO EBRAICO), Erdogan è ancora un criminale bambino, lui ha soltanto, un MILIONE DI CADAVERI SULLA COSCIENZA, ma, con tutta la LEGA ARABA sharia, dei Salafiti? loro faranno rimpiangere la malvagità di Hitler! questa storia ha del GROTTESCO CHE, IO SONO COSTRETTO A SALVARE L'ISLAM, PROPRIO IO, CHE, IO SONO IL RAPPRESENTANTE POLITICO DEI MARTIRI CRISTIANI, cioè, SE, io VOGLIO SCONFIGGERE I SATANISTI MASSONI Farisei? io ho bisogno di rinnovare, riformare: l'ISLAM! ISTANBUL, 8 MAR - Un tribunale di Erzurum, nella Turchia orientale, ha emesso un nuovo mandato d'arresto nei confronti dell'imam e magnate Fethullah Gulen, ex alleato diventato nemico giurato del presidente Recep Tayyip Erdogan, e del fratello Salih, con l'accusa di "far parte di un'organizzazione terroristica".
 revenge Yitzhak Kaduri

questa è la PROVA PROVATA, di come Turchia e Arabia SAUDITA, loro sovvenzionano le due parti: i due governi, in causa, ma, in realtà è ISIS che loro vogliono favorire! ] [ IL CAIRO, 8 MAR - Per mancanza di numero legale anche oggi, dopo il nulla di fatto di ieri, il Parlamento di Tobruk non ha potuto riunirsi per votare la fiducia al governo di unità nazionale libico del premier designato Fayez al Sarraj.
 Lo riferisce l'emittente Libya's Channel. Già ieri la seduta era stata rinviata per mancanza di quorum "nonostante la presenza del presidente del parlamento, Aqila Saleh", riferisce l'emittente. Un tentativo di votare la fiducia era fallito anche la settimana scorsa e da metà febbraio vi sono stati altri tentativi infruttuosi da parte della presidenza di mettere al voto il varo dell'esecutivo.
 revenge Yitzhak Kaduri

IN POCHE PAROLE: il direttore dell'Unhcr per l'Europa Vincent Cochetel ha detto: "I TURCHI DEVONO ANDARE A SVERGINARE LE BAMBINE DI NOVE ANNI IN ARABIA SAUDITA, È CON IL CAZZO CHE LI FACCIAMO ENTRARE IN EUROPA!" ECCO PERCHÉ, HITLER MAOMETTANO OTTOMANO ERDOGAN lui HA DECISO DI INVADERE MILITARMENTE TUTTA LA EUROPA MERIDIONALE! GINEVRA, 8 MAR - "Un'intesa" sulle espulsioni collettive di stranieri "verso un Paese terzo non è in accordo con il diritto europeo e internazionale. Dovremo vedere quali saranno le garanzie. Non posso credere che l'Unione europea raggiunga un accordo di riammissione verso un Paese terzo con meno garanzie di quelle previste per la riammissione in un Paese dell'Ue". Così il direttore dell'Unhcr per l'Europa Vincent Cochetel sull'intesa tra l'Ue e la Turchia sui migranti.
 revenge Yitzhak Kaduri

è chiaro: 1. i pedofili GENDER ideologia, 2. inzivosi e pornografi: 3, lobby LGBT, tanto sono infestati di demoni nel loro odio contro Gesù Cristo, 4. difendono l'ISLAM, e, 5. condannano a morte i diritti umani: 6. nessuno difende la voce delle donne soffocate nella LEGA ARABA, 7. nessuno condanna la sharia, e, 8. nessuno difende la libertà di Religione... è questa è una congiura massonica: e tecnocratica del Nuovo Ordine Mondiale, di Farisei Banche CENTRALI: che hanno progettato di disintegrare l'ISLAM su tutto il pianeta, dopo avere disintegrato i cristiani (UE e RUSSIA )ovviamente! ] [ Europa: I disastri del “Politicamente Corretto”. 08.03.2016( Le 359 aggressioni sessuali subite dalle donne tedesche nella notte del capodanno del 2015 continuano a suscitare un aspro dibattito in Europa, che trascende le vertenza poliziesca, quella legale o politica e si immerge già nel mondo intellettuale. L'esempio più chiaro è quello di cui si sono resi protagonisti, disgraziatamante per lui, lo scrittore e giornalista algerino Kamel Daoud, il quale ha subito un linciaggio morale da parte di un gruppo di sociologi ed antropologi della scena francese per aver scritto sul tema "la relazione malata" tra la donna ed il mondo arabo mussulmano. Secondo Daoud, i fatti della città di Colonia sono "l'esempio del fatto che in quel mondo (quello mussulmano) la donna viene negata come perona, rifiutata, assassinata e violentata, incarcerata o posseduta". Lo scrittore segnalava con un articolo che gli ha prodotto la condanna di certi intellettuali che "il sesso è la grande miseria del mondo di Allah", e denunciava come esempio di quello "il porno islamismo" predicato da alcuni iman i quali promettono un paradiso che più si avvicina ad un postribolo, dove 70 vergini aspetterebbero gli autori degli attentati (come premio). Riferendosi al problema dell'immigrazione di massa dei mussulmani in Europa, Daoud propone un "accompagnamento culturale" per far comprendere i valori di uno spazio dove le donne si considerano come persone con gli stessi diritti e libertà degli uomini, "al contrario di quello che accade nel mondo mussulmano-arabo". Daoud è, oltre che uno scrittore, un giornalista da più di 20 anni. E' stato redattore capo del giornale algerino "Quotidien d'Oran". I suoi scritti sulla libertà della donna e, in generale, contro l'poscurantismo islamista, gli sono valsi una fatwa, una minaccia di morte che gli pende sul capo da allora. Per fuggire dalla minaccia di eliminazione fisica, Daoud si è rifugiato in Francia, dove per il suo articolo sulla notte nera di Colonia è stato vittima di un altro tipo di fatwa questa volta di certi "ricercatori" sociali francesi, che, lo hanno accusato sul giornale progressista "Le Monde", dell'ultimo delitto in voga fra i"guardiani del pensiero unico," politicamente corretto occidentale: la "islamofobia". In un recente articolo su Le Monde, Daoud aveva detto chiaro e tondo cosa pensa dei fatti di Colonia: «Quello che era stato lo spettacolo sconcertante di terre lontane si trasforma in uno scontro culturale sul suolo stesso dell'Occidente. Il grande pubblico occidentale scopre, nella paura e nell'agitazione, che nel mondo musulmano il sesso è malato e che questa malattia sta arrivando sulle proprie terre». Lo scrittore algerino fustiga i costumi e le usanze culturali dei migranti mussulmani in Europa, in particolare dei nuovi arrivati.
Come reazione alle sue considerazioni, un gruppo di 19 intellettuali francesi gli ha risposto, sempre sulle colonne di Le Monde, accusandolo, anche senza usare la parola, di "islamofobia".
In Francia, concretamente, il termine islamofobia serve per tappare la bocca, la penna o la tastiera di qualsiasi critica verso l'Islam, l'islamismo o la situazine della donna nella società arabo-mussulmana. Altri la enunciano come insulto incluso quando una qualche voce si azzarda a sugerire che i rifugiati di provenienza dai paesi mussulmani dovrebbero adattarsi alla società che li accoglie.
L'inquisizione dei guardiani del politicamente corretto, come del religiosamente o culturalmente corretto, hanno già ottenuto in Francia altri successi, obbligando al silenzio o all'esilio intellettuali che pretendono di essere liberi di dissentire dalla linea ufficiale. Dopo gli attentati del Gennaio del 2015 a Parigi, si è iniziata a liberalizzare la parola e gli scritti circa l'islamismo radicale ed il dibattito, in generale, sull'Islam. Il sangue versato è sembrato poter liberare la repressione mentale di certi settori che, subito, hanno trovato l'antidoto per frenare la critica: la accusa strumentale di islamofobia.
 La nuova censura non scritta frena qualsiasi tentativo di avvicinarsi con chiarezza ai problemi in specie quando le vittime sono le donne, come si è dimostrato dai fatti di Germania da parte della polizia e dei politici locali, e anche, in precedenza, come era accaduto in Svezia ed in altri paesi nordici. Daoud, che dopo la polemica ha deciso di dedicarsi soltanto alla letteratura ed abbandonare il giornalismo, ha sempre condannato l'utilizzo che la destra e l'estrema destra potevano fare di tali questioni.
Adesso certi intellettuali cercano di spegnere un'altra volta le polemiche in difesa della donna nel mondo arabo-mussulmano. La sociologa algerina Marieme Helie Lucas ha scritto sul settimanale Telerama (uno dei media politicamenmte corretti) che la "sinistra francese, convinta delle sue vecchie colpe coloniali, opera una scandalosa gerarchia dei diritti, in cui quelli della donna occupano l'ultimo posto nella classifica, dopo di quelli delle mionoranze, i diritti religiosi e quelli culturali".
Mentre alle foci del Senna una cricca di intellettuali disprezza Daoud, gli scrittori dello spazio arabo-mussulmano gli offrono il loro appoggio. Da ultima, la tunisina Fawzia Zouari: "si è sicuro ci siamo trascinati una mentalità millenaria che definisce la donna come un'esca o una civetta e qualche cosa di vergognoso; è vero che abbiamo una relazione patologica con la sessualità; si è vero che esiste un razzismo che insinua la mentalità di poter violentare una donna non mussulmana senze conseguenze; si avviene che alcuni degli arabi mussulmani che arrivano in Europa devono assuefarsi l'idea dell'uguaglianza dei sessi e del laicismo delle società europee".
 http://it.sputniknews.com/opinioni/20160308/2230632/europa-migranti-violenza.html#ixzz42IvS3y77
 revenge Yitzhak Kaduri

che Hezbollah SIA UNA ASSOCIAZIONE TERRORISTICA? QUESTA NON È UNA AFFERMAZIONE CHE, i Paesi arabi (Stati del Golfo) possono fare, dato che la galassia jihadista, di sgozzatori e genocidio a tutti, è frutto del loro NAZISMO E satanismo, salafita e wahhabita! E POI, LA BIBBIA NON HA MAI DETTO CHE, SAREBBE STATO VALIDO UN ISRAELE DI SATANISTI MASSONI SPA FMI AIPAC FARISEI TALMUD MAGIA NERA KABBALAH, che è per questi delitti, che Israele è già stato distrutto due volte! E SE NON DISTRUGGEREI MAI IO ISRAELE, IN MANIERA VIOLENTA? QUESTO NON VUOL DIRE, CHE NON SIA DIO A CHIEDERLO DI FARE a Hezbollah, anche se, ogni sharia è incompatibile con la sopravvivenza del genere umano! ] [ TEL AVIV, 8 MAR - I partiti arabi Balad e Hadash - parte della coalizione "Lista Araba Unita", terza forza nel parlamento israeliano - hanno condannato la recente decisione degli Stati del Golfo di definire gli Hezbollah libanesi organizzazione terroristica. "Hezbollah lotta contro gli attacchi israeliani al Libano e questa decisione - ha detto un portavoce di Balad, citato dai media - serve esclusivamente gli interessi di Israele e degli Usa". La presa di posizione delle due organizzazioni ha scatenato la reazione del primo ministro Benyamin Netanyahu che ha replicato loro: "Avete perso l'intelletto? Condannate i paesi arabi (Stati del Golfo) e Hezbollah tira razzi sui vostri villaggi" nel nord di Israele.
 revenge Yitzhak Kaduri

ed io non voglio fare una offesa, a tutte le donne del Paradiso ad incominciare, dalla persona più importante, di tutta la storia del genere umano: Maria di Nazareth: la nostra Regina Signora! auguri a tutte le donne 4,5miliardi: di questo pianeta: il mio amore

I COMUNSTI: NAPOLITANO D'ALEMA, VELTRONI, IL LORO PADRE BERTINOTTI? NELLA MASSONERIA DEI FARISEI SPA BCE, SPA FMI, SPA FED, HANNO CREATO IL "SISTEMA" CHE OGGI, È DIVENTATA UNA "ENTITÀ VIVENTE": IL NWO! QUESTA È UNA PROLUNGAZIONE ORGANICA DEL CORPO DI LUCIFERO, CHE HA LA RESIDENZA ALL'INFERNO, E CHE, INVECE, COME SATANA BUSH E ROTHSCHILD tutti gli AZIONISTI BANCHE CENTRALI SpA ORA, HAnno IL DOMICIDIO in quasi tutte le ISTITUZIONI E NELLE RELIGIONI DI QUESTO PIANETA: quindi, attraverso un massacro immane, specificato: da questa già iniziata terza guerra mondiale, cercano di esautorare sempre di più, i politici per sostituirli con i tecnici, che sono: sempre alti funzionari della massoneria e delle Banche CENTRALI!

 dominus UniusRei Dominus

KIEV NON AVEVA INTERESSE AD AVERE GIORNALISTI TRA I PIEDI, CHE DOCUMENTASSERO I SUOI DELITTI, E QUINDI HA UCCISO MOLTI GIORNALISTI, UNO DI QUESTI ERA UN GIORNALISTA ITALIANO, SENZA CONTARE CHE, NON SI POSSONO CONOSCERE I NOMI, DEI CECCHINI CHE A MAIDAN UCCIDENDO CIRCA 100 PERSONE HANNO DATO INIZIO AD UN GOLPE, CHE HA DELEGETTIMATO LA ATTUALE GOVERNANCE DELLA UCRAINA, LA UNIONE EUROPEA E LE SUE ISTITUZIONI SONO SOMMAMENTE CRIMINALI! Deputati dell'Europarlamento chiedono alla Mogherini sanzioni contro Putin. E TUTTO QUESTO È QUALCOSA CHE ESUBERA DALLA MIA PAZIENZA E DALLA MIA TOLLERANZA: I MIEI MINISTRI SONO INVITATI A PROVVEDERE CIRCA UN SODDISFACIMENTO DELLA MIA IRA! 09.03.2016
Alcuni eurodeputati hanno invitato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini ad introdurre sanzioni personali contro il presidente russo Vladimir Putin ed 28 altre persone legate al caso di Nadia Savchenko. In una lettera firmata da 57 europarlamentari si elencano i nomi di coloro che, secondo loro, "sono responsabili della decisione politica del rapimento della Savchenko, di averla portata in Russia, di detenzione illegale e di accuse inventate." Inoltre, secondo i politici, le sanzioni devono essere comminate a coloro che hanno contribuito alla "legittimazione delle azioni russe agli occhi del mondo." Oltre a Putin nella lista figurano il direttore del Servizio di Sicurezza Federale (FSB, servizi segreti russi) Alexander Bortnikov, il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov, il direttore del Comitato Investigativo Alexander Bastrykin, il presidente dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk Igor Plotnitsky, così come diversi investigatori, magistrati e funzionari. La notizia è stata pubblicato su Twitter dall'eurodeputato polacco Jacek Saryusz-Wolski.
Gli investigatori russi accusano la Savchenko di aver corretto il fuoco dell'artiglieria delle truppe ucraine nella regione di Lugansk nell'estate del 2014, provocando così la morte dei giornalisti russi di VGTRK Igor Kornelyuk e Anton Voloshin. http://it.sputniknews.com/politica/20160309/2235111/UE-Ucraina-Savchenko-Donbass-FSB-Russia.html#ixzz42PL9KQaS

tu #Israele tu considera #Giulio #Regeni un cittadino israeliano, io ti ordino: di costituirti: come "parte civile" a tutela di questo omicidio, che, è stato fatto, intenzionalmente contro di te, e in dispezzo dei tuoi valori, e della tua sovranità!

 dominus UniusRei Dominus

QUESTA DELLA LEGA ARABA NEL SUO INSIEME SHARIA: È UNA SOLA ORGANICA SCENETTA CRIMINALE: UN COMPLOTTO CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO! IRAN MINACCIA ISRAELE, MA, SONO I SALAFITI AD ACCERCHIARLO! I SALAFITI HANNO PERSO LA CONQUISTA DELLA SIRIA: E NON POSSO PIÙ MINACCIARE ISRAELE DALLA SIRIA, ECCO PERCHÉ, ORA, I SAUDITI MINACCIANO ISRAELE DA GIBUTI E DALL'EGITTO. SE, ISRAELE ATTENDE PASSIVAMENTE GLI EVENTI? NON POTRÀ MAI SOPRAVVIVERE, DATO CHE, IL CASO GIULIO REGENI, COME L'ATTENTATO ALL'AEREO RUSSO: SONO STATI INSABBIATI, PER NON RIVELARE, LE RESPONSABILITÀ, DEI SERVIZI SEGRETI SAUDITI, CHE ORMAI SONO I SAUDITI CHE CONTROLLANO L'EGITTO, COME ANCHE TUTTA LA LEGA ARABA: QUESTI CON LA LORO GALASSIA JIHADISTA SONO DIVENTATI UNA SOLA ENTITÀ DEMONIACA: I POPOLI DEL MONDO NON SONO PREPARATI AD AFFRONTARE TANTA MALVAGITÀ E DISSIMULAZIONEI! [ TEHERAN, 9 MAR - Sui due missili balistici testati dall'Iran c'era la scritta in ebraico "Israeledeve essere cancellato". Lo riporta l'agenzia semiufficiale Fars. La Fars ha diffuso anche delle foto del lancio dei missili, di categoria Qadr H, con una gittata di 1.400 chilometri: "una distanza pensata per affrontare il regime sionista", ha spiegato il capo della divisione aerospaziale delle Guardie Rivoluzionarie, Amir Ali Hajizadeh. "Noi non saremo i primi a cominciare una guerra, ma non saremo nemmeno colti di sorpresa, così abbiamo piazzato le nostre attrezzature in un luogo che il nemico non può distruggere", ha aggiunto.

1. SONO STATI GIUSTIZIATI A SANGUE FREDDO, CON UN COLPO DI PISTOLA ALLA NUCA! 2. non è stato ISIS: questa volta! ED È QUESTA: 3. LA IDEOLOGIA DEI SALAFITI: UCCIDERE TUTTI GLI OCCIDENTALI: e IN QUESTO MODO L'ISLAM SI purifica! in conclusione: [ Però in maniera grottesca questi sauditi turchi, islamici nazisti, violatori diritti umani, siedono in ONU, e sono teologia dogmatica della "sostituzione" strutturale genocidio: costitutivo fondazione LEGA ARABA: razzisti e nazisti, ideologia sterminio: quindi sono tutti gli alleati della NATO! ROMA, 9 MAR - "Non possiamo che iniziare questa informativa con un messaggio comune di cordoglio e vicinanza alle famiglie" dei due italiani uccisi in Libia, Salvatore Failla e Fausto Piano. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni mentre l'Aula del Senato ha tributato un applauso unanime al ricordo dei due connazionali.

la solita sporca minestra riscaldata, con 66 anni di terrorimo, e strage di vittime civili innocenti! SE NON VERRÀ CONDANNATA LA SHARIA A LIVELLO MONDIALE, ISRAELE E TUTTO IL GENERE UMANO SARANNO SOFFOCATI DAL TERRORISMO ISLAMICO! OBAMA È IL LUCIFERISMO CULTO DOGMATICO SPA FMI NWO! Mo: Obama punta riavviare negoziati pace. Wsj: ipotesi risoluzione consiglio sicurezza Onu per compromesso. NON ESISTE UNA DOMANDA SU circa di CHI È LA PALESTINA, la domanda è: "di chi è il mondo?" La Sharia ha detto: "il mondo è tutto mio" i Farisei Spa Banche Centrali hanno detto: "il mondo è già nostro!" COME ONU PENSA DI PORTARE PACE IN PALESTINA, CON QUESTE PRECONDIZIONI?

 dominus UniusRei Dominus http://www.italianiliberi.it/ CONTRO IL NWO

IL PEGGIOR NEMICO DEI SATANA MASSONI FARISEI SALAFITI! ] [ CHI ERA IDA MAGLI? I RICORDI E I PENSIERI DI CHI L'HA CONOSCIUTA. Dover ricordare Ida Magli all’indomani della sua scomparsa, un genio dell'antropologia, non solo di quella italiana, ci dà la misura dell’odio che i governanti le hanno sempre riservato. È riuscita a rivelare i legami fra sacro e potere e, cosa ancora più grave per il potere, lo ha spiegato e insegnato in una forma accessibile a tutti, il cruccio di una vita. Per questo l'hanno sempre attaccata dentro e fuori delle università italiane. L'Italia non ha avuto antropologi degni di superare i confini nazionali, tranne lei; pur citando l’ottimo Ernesto de Martino, tuttavia egli si fermò alle tradizioni popolari. Niente, insomma, avrebbe fatto pensare che l’antropologia mondiale avrebbe fatto passi decisivi grazie a lei. Degli stessi antropologi nel campo internazionale nessuno è paragonabile a lei, pur essendo stati "grandi" grazie alle ricerche nello studiare i neoprimitivi nel loro ambiente naturale, operazione faticosa e rischiosa. I saggi di Durkheim, Devereux, Benedict, Boas, Van der Leeuw, Hall, Morris e tanti altri, pur straordinari arrancano di fronte ai suoi libri. Contribuì enormemente a un approccio diacronico nello studio antropologico delle culture, di contro all’approccio sincronico degli storici, introducendo una nuova comprensione dei popoli, utile nel tracciarne la “direzione di senso”. Contribuì ad affermare l’idea che la storia dei popoli fosse comprensibile solo nella "lunga durata" del tempo e non per "eventi", visto che i significati simbolici e le personalità dei gruppi sono il loro vero focus esistenziale nei secoli. Ecco perché Ida Magli è stata un genio assoluto: ha fatta propria l’antropologia studiandola come nessun altro, e l’ha superata evidenziandone punti deboli, sviste, ingenuità, anzi, pardon, le "ovvietà" alle quali nessuno di noi sfugge e che hanno ingannato studiosi del calibro di Levi Strauss. È stata lei infatti a teorizzare l'"ovvietà culturale", quell'automatismo mentale che in ogni cultura porta a "guardare" il nostro quotidiano in maniera scontata. Superato il muro invisibile dei piccoli gesti quotidiani, Ida Magli aprì le porte alla loro comprensione più profonda. Grazie all’analisi dello scienziato, è stata la prima ad aver posto il legame fondativo fra mani, encefalo e pene in relazione alla postura eretta. Le culture sono state fondate dai maschi, diceva sempre: in relazione al concetto di “potenza”, l'onnipresente valore simbolico del "pene" ne è la prova. Le società matriarcali non sono mai esistite, aggiunse, mandando Bachofen in soffitta: la qual cosa provocò gli strali e l'odio imperituro delle femministe. La sua duttilità in qualsiasi tipo di studi, dalla filosofia alla linguistica, dalla letteratura alla musica, la portarono a una sorta di "antropologia musicale". Intuì per prima il legame fra musica e antropologia, da qui la capacità di leggere qualsiasi cultura come un’opera musicale, quasi fosse un piano concerto da studiare. La Musica, espressione sonora potente dei sentimenti, rivelò d’ora innanzi la personalità dei popoli. Dimostrò che, nello “spiegare” la morte attraverso l’idea del "tempo", l'Uomo dà un senso alla vita, la “fonda”, rivelandoci anche il perché senza le religioni le culture muoiano. Ha difeso la scienza antropologica, ribadendo quanto fosse vitale il concetto tyloriano di “cultura”, che, in quanto a definizione di “insieme organicamente complesso e interrelato”, consente di studiare il tutto insieme dell'Uomo. Denunciò la banalizzazione strisciante del termine "cultura" da parte del potere, il quale - non accettando di essere “studiato” – ne ha fiaccato volutamente il senso con definizioni quali: "cultura dell'accoglienza", "della legalità", "della sicurezza". Troppo scomoda la parola "cultura" in un mondo votato alla distruzione dei popoli e alla globalizzazione plutocratica: Unione europea docet. Ci ha detto così tanto sulle culture primitive, da includerci paradossalmente fra quelle che stanno per scomparire. Per prima applicò il metodo antropologico all’Occidente cristiano, scoprendo una cultura morente di fronte all’avanzare dell’Islam. Tentò di essere come quel medico che diagnostica la malattia del paziente cercando di curarla, solo che “curava” i popoli. A noi Italiani ha tentato disperatamente di evitarci la catastrofe, amandoci come pochi altri. Si, noi, quel popolo che siamo, che ha fondato l’Occidente a dispetto di tutti ma che meno di tutti sa d’essere stato il primo a creare il pensiero laico-scientifico. Per questo ammirò i romani e li difese dall'imperante disprezzo dell'ideologia di sinistra in scuole, università e salotti pseudointellettuali. Altro che baroni, altro che intellighenzia elitaria: il loro era ed è svilimento della nostra storia, patria, identità, intelligenza, della lingua che parliamo. Ci rivelò la sacralità potente della parola, e da qui ne scaturì la denuncia di soprusi e menzogne, anche nelle loro forme meno evidenti o apparentemente “laiche”. Governanti nostrani e Unione europea le hanno giurato vendetta per questo: la damnatio memoriae è stata emessa venti anni fa, quando previde in Contro l’Europa la sovietizzazione europeista e l’invasione islamica. Ciò che ha scritto nel suo Gesù non è separabile da ciò che ha scritto Contro l’Unione europea. Grazie alla complicità della Chiesa nel porre sullo stesso piano Vangelo e Antico Testamento, l’Unione europea vuole cancellare la forza dirompente delle parole di Gesù, così "vere", lontane dalle “parole inutili” delle preghiere rituali e da quelle "marxiste" dei governanti bruxsellesi. Al contrario di Freud, Jung e altri “maestri”, "osservò" i propri "discepoli", così come studiò gli apostoli di Gesù. Dopo di lei sarà possibile solo studiare, fare ricerca, proseguire le strade che lei ha aperto, ma nessuno più potrà dichiararsi suo "discepolo" o di altri. Non ci saranno più "allievi" ma "persone", ognuna con la propria identità e responsabilità, persone più o meno capaci di usare la logica come un "maglio" da abbattere contro il muro dell'incomprensibile: la sua, che fu, adesso è la nostra personale lotta titanica del Pensiero umano contro la Morte. Per comprendere Ida Magli, cosa ardua, non potremo catalogare le sue poliedriche ricerche secondo i periodi della sua vita di studiosa. Ciò che ha scritto agli inizi non si può scindere da ciò che ha scritto negli ultimi anni, essendo il risultato dell’applicazione di un metodo tanto nuovo quanto efficace. Ciò che ha scritto sul popolo americano o russo non è mai stato scritto da nessuno. Nessun americano ha descritto così profondamente il proprio popolo, né alcun russo comprese così distintamente il popolo russo come lei in Dopo l'Occidente. Pagine commoventi, perché rivelano la sua capacità di essere empaticamente vicina ai popoli, così come agli uomini. Mi duole profondamente parlare di lei in questo momento, perché desidero serbare tante cose come un segreto, ma di uno devo parlarne, per far capire, nel piccolo dei rapporti umani, la sua enorme capacità di cogliere l'anima delle persone al pari di quella dei popoli. Le bastava porsi dal punto di vista del bambino, come guardandosi intorno per la prima volta e chiedersi: “perché?”, ma con ostinazione scientifica. È il “segreto” del suo ultimo libro, Figli dell'uomo - Duemila anni di mito dell'infanzia, indissolubilmente legato a uno dei suoi primi, Santa Teresa di Lisieux, figura alla quale era legatissima per via della sensibilità di Teresa, la stessa che fece sua e sublimò in quotidiana sofferenza personale. "Vedere" il mondo da piccola "figlia dell'Uomo" conducendo l'uso della logica fino a estreme conseguenze la fece soffrire: nessuno più di lei. Il suo ultimo lavoro è la summa delle sue sofferenze, monito agli adulti affinché non facciano violenza ai figli. Al telefono mi chiedeva sempre di mia moglie e mia figlia. Desiderava che parlassi di loro per consolarla.
Il suo acume e la sua durezza nell’indagare le forme del mondo non le impedirono di essere una persona dolcissima, coraggiosa, umana. Lo sanno le persone che l’hanno conosciuta, dai suoi primi studenti agli ultimi compagni di battaglia. La conobbi a Milano, a una riunione di ItalianiLiberi, associazione alla quale mi sarei legato negli anni successivi pur vivendo a Bari. Dopo il mio intervento su come la logica fosse "trattata" nelle scuole italiane - io insegno, lo so bene - a fine incontro si avvicinò e mi accarezzò. La sera in cui mangiammo la pizza tutti assieme fui l'unico ad assecondare la sua richiesta di offrire a tutti, cosa che non le fu permessa. Io la osservai e mi accorsi che era dispiaciuta. Ci scambiammo i numeri, la chiamai dopo due mesi. Mi dovetti fare coraggio per farlo. Temevo che una persona così straordinaria non avesse tempo per me. Mi sbagliavo. Mi chiese di darle del "tu”. Quando, cinque anni dopo, persi mio padre, mi spiegò che alla morte del “padre” non esiste parola consolatrice perché è una morte "ovvia", pur essendo la sua figura fondativa della famiglia, che a sua volta è modulo base per la sopravvivenza dei gruppi umani: e mi rammentò dell'episodio in quella pizzeria. In quel momento doloroso per me, mi spiegò il senso di quel mio unico “si” alla sua richiesta di offrire a tutti quella sera a Milano: che ci vuole più coraggio ad accettare l'amore degli altri che a voler amare, perché si corrono più rischi; che questo i cristiani non l'avevano mai capito. Mi confidò che quel mio "gesto" l'aveva commossa, che non lo aveva mai dimenticato e me ne sarebbe stata grata per sempre. Così è stato. Ecco, la sua esistenza è stata un "gesto" durato tutta una vita, anche prima che la conoscessi. Con questa semplicità, questa profondità. Raffaello Volpe

 dominus UniusRei Dominus

chi può garantire che questo gioco degli scacchi non servirà, in realtà, per soffocare a morte ISRAELE? ] TUTTO È IL PREPARAZIONE DI UN GRANDIOSO MASSACRO! [ L'Arabia Saudita costruirà una base militare a Gibuti per contrastare l'avanzata dell'Iran. 08.03.2016 La contromossa di Riad, venuta alla luce attraverso la stampa locale, giunge a pochi giorni di distanza dal giro di colloqui internazionali effettuati da Jens Stoltenberg – segretario generale della Nato –, nella penisola arabica dove il massimo rappresentante dell'Alleanza ha rinforzato i legami con le nazioni guidate dall'Arabia Saudita. : http://it.sputniknews.com/mondo/20160308/2233449/arabia-saudita-base-militare-gibuti.html#ixzz42L9e0rSD

 dominus UniusRei Dominus

quando una Nazione qualsiasi della LEGA ARABA, dice, di voler combattere la Galassia jihadista? non POTREBBE MAI ESSERE credibile! 1. SIA PERCHÉ, NON POTREBBE MAI ESISTERE UNA GALASSIA JIHADISTA, CHE, LA LEGA ARABA NON ABBIA CREATO INTENZIONALMENTE, E, 2. SIA PERCHÉ LA GALASSIA JIHADISTA COMBATTE PER AFFERMARE LA SHARIA: IN MODO PIÙ BRUTALE, CHE. poi, questa sharia È LA SOSTANZA GIURIDICA criminale della LEGA ARABA STESSA! Libia: Sisi,se minacciati ci difenderemo Presidente, ma l'Egitto non farebbe mai un'azione preventiva

 dominus UniusRei Dominus

delitto e alto tradimento: usura e satanismo, ideologia di signoraggio bancario, SpA banche azionisti privati Farisei Rothschild: il NWO! "Quando uno Stato dipende per il denaro dai banchieri, sono questi stessi e non i Capi dello Stato che dirigono le cose. La mano che dà sta sopra a quella che prende. I finanzieri sono senza patriottismo e senza decoro". Napoleone Bonaparte ---- “Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo”

 dominus UniusRei Dominus

ORA adesso, non ha importanza quanto Obama, possa essere un idiota, un vile attore: un coglione totale. ma, i farisei SpA Banche CENTRALI NWO regime i massoni che lo manovrano? loro stanno preparando questa gigantesca minaccia islamica, per disintegrare: ISRAELE, Europa Russia, ED ogni residuo di civiltà ebraico cristiana, OVVIAMENTE, è questo: il VERO OBIETTIVO DEL TAMUD, cioè, È: IL LUCIFERISMO IDEOLOGIA FARISEI, che è RELIGIONE di lucifero, CHE GIÀ SI MANIFESTA NEL SpA FED NWO il Califfato! tutto questo è l'ascesa inarrestabile di lucifero civiltà!

il tasso di natalità che ERDOGAN ha imposto alla Turchia, lui ha detto: "io avrò 20milioni di soldati!" non è sostenibile, se, lui non ha calcolato di far morire almeno il 50% dei suoi soldati nella conquista di tutte le Nazioni che si affacciano sul mediterraneo: ed infatti lui ha anche detto: "8 nazioni appartengono alla TURCHIA!!" MOGHERINI E MERKEL SI DEVONO PREPARARE LE MUTANDE DI FERRO! LA NOSTRA UNICA SPERANZA ADESSO È CHE I RUSSI RIESCANO A STERMINARE I TURCHI PRIMA, CHE, SIA TROPPO TARDI!
non è che io voglio tirare i piedi ad ERDOGAN: a tutti i costi, e non riconoscere i suoi meriti di assassino islamico, a lui i bambini servono come i soldati servivano ad Hitler ( 8 marzo: Erdogan, per me donna è madre, Siamo sempre stati al loro fianco nella ricerca dei diritti').. MA, voi AVETE NOTATO CHE TUTTi i bambini, al momento della nascita, somigliano tutti ai vecchi che muoiono? PURTROPPO PERÒ, le ideologie e le Religioni ottenebrano la mente, e non fanno riflettere su quanto possa essere vana e fragile la esistenza umana, e quando, possa essere cattivo malefico, prepotente: e ridicolo un uomo ambizioso e orgoglioso di una sua qualche forma di primatismo che è razzismo!

QUESTA LEGA ARABA SHARIA, CHE SI È FONDATA, E CHE CONTINUA FONDARSI SUL GENOCIDIO DEI POPOLI PRECEDENTI: gli schiavi dhimmi? È LA SECONDA MINACCIA, PER LA SOPRAVVIVENZA DEL GENERE UMANO, DOPO LE SPA BANCHE CENTRALI, BCE SPA FMI FED, NUOVO ORDINE MONDIALE: tutti gli schiavi goyim! noi SIAMO IN TRAPPOLA COME TOPI, TRA L'INCUDINE E IL MARTELLO: UN SOLO REGNO DI SATANA: l'anticristo! IL MONDO DEGLI ESSEREI UMANI NON SOPRAVVIVERÀ AL MONDO DEI DEMONI QUESTA VOLTA! Egypt: 'suicide' claim for third Christian conscript in nine months: March 8, 2016, Michael Gamal during a trip to Alexandria (left) in Jan 2016, one month before his alleged suicide, and (right) in his military uniform, Another Egyptian Christian conscript has died in suspicious circumstances. Michael Gamal, 22, was due to finish his two-year compulsory military service this May, when his family heard the shock news of his ‘suicide’. Last time his family heard from him was Feb 15. “As often, we talked over the phone. Michael was in good spirits. He was jesting and joking. He had a couple of months to go before his service was over,” said Osama, Gamal’s brother. But the next several hours took an unexpected turn.
“When I called the next day, Michael, unusually, didn’t respond.” Later that night a fellow draftee made a call from Gamal’s phone. “I was told my brother was seriously injured. I couldn’t believe it!” added Osama. Hurriedly making their way to Shebeen el-Kom (76 km north of Cairo), where Gamal was posted, members of the family were informed by the military police that their son “had committed suicide”. At the hospital, an initial coroner report stated the cause of death as a “gunshot to the upper chest from close range”. The body bore trauma marks to the forehead and right temple, they said
Perhaps more suspicious was, according to the family, repeated attempts by army officials to discourage an autopsy. “Three members from the military police asked us who last called Gamal. They claimed we argued with him on the phone. This is flat out false! They said that he shot himself after he finished his call with us!” said Alaa Gamal, a second brother.
“The military wanted to bury the body before the rest of the family made their way from Asyut, 6 hours drive north to Shebeen. They tried to persuade me not to bring the family,” said Osama Gamal.
“There were no hospital admission papers, despite the claim that Michael had still been alive when brought to the hospital. Later, a lieutenant from Michael’s unit, Lt. Mohamed Medhat, tried to persuade us to immediately bury the body. He even said he’d fly the body on a military chopper and speed up all the necessary paper work” added Gamal.
In absence of an investigation, and before the body had left the hospital (Feb. 17), the military authorities were ready with a written report stating Michael “had shot himself dead”.
Yet the family has strong grounds to discredit this claim. “Michael told us that in his last post, over the past few months, he was “support personnel”, so he neither carried on-duty nor was he issued any firearms. He couldn’t have had access to a weapon to allegedly shoot himself with,” said the older brother.
“How can he pull the trigger of a long rifle on himself?”
Gamal’s mysterious death mirrors the case of Bishoy Kamel, another Copt conscript whose suspicious death last November was also reported as ‘suicide’.
This takes the tally of Christian conscript deaths in either the Egyptian army or police to four since June 2015, and seven known cases over a decade. The cases were predominantly attributed to suicide.
Much to the families’ anguish, claims of religious bullying were never properly investigated by the authorities.
“While in his last unit, Michael complained of ill-treatment by fellow soldiers and some officers” said Fr. Hydra Garas, who had been in close touch with him.
The family tellingly recall how Michael told them two months ago that an officer beat his back with a stick, leaving marks imprinted on the back of his under vest.
Yet during his last time off (29 Jan- 6 Feb) he seemed to have put the incident behind him.
“Last time I saw him, he was happy. He said ‘Father, it’s almost over!’ ” said Fr. Garas, referring to the near conclusion of Gamal’s draft service, due on May 25.

ovviamente, noi non possiamo pretendere che: in modalità simultanea: si realizzi un preventivo attacco nucleare di: 1. ISRAELE che si suicidi, con il disintegrare tutta la LEGA ARABA, e che, 2. la Russia si suicidi, con il disintegrare gli USA, ma, è l'unica cosa, che, andrebbe fatta, in modalità contestuale, per salvare la sopravvivenza del restante genere umano! COSÌ I MIGLIORI, cioè, RUSSIA E ISRAELE MUOIONO e si immollano al posto nostro, E i pezzi di merda (cioè noi) noi sopravviviamo!

voi non avete la capacità di ragionare attraverso, la scienza di satana e del suo FMI SPA NWO! GLI USA DELIBERATAMENTE, STANNO DIFFONDENDO BOMBE ATOMICHE, IN TUTTE LE NAZIONI, PERCHÉ IL LORO OBIETTIVO È: "CANCELLARE OGNI FORMA DI VITA, SULLA SUPERFICIE DEL PIANETA!" quindi, SOLTANTO LA FRATELLANZA UNIVERSALE: di: UNIUS REI PUÒ SALVARVI DALLA ESTINZIONE! MA, VOI VOLETE CHE DIO HOLY JHWH, lui SUPPORTAVA IL MIO MINISTERO politico universale UNIUS REI, SE VOI NON STATE PER MORIRE TUTTI? Voi non potete immaginare: la quantità ed il numero, delle città sotterranne e i suoi abitanti di: mutanti ibridi zombies e alieni che la CIA gestisce! QUELLO SI, CHE IL REGNO DI SATANA, COME ALL'INFERNO COSÌ SULLA TERRA! GLI USA SARANNO DISINTEGRATI DA DIO, NON ESISTE UNA POSSIBILITÀ PER POTER SALVARE DAL SATANISMO QUESTA NAZIONE! Iran testa missili balistici. 08.03.2016 I test missilistici si sono svolti sotto lo slogan: «Una dimostrazione di forza, di solida sicurezza all'ombra dell’unità, della comunanza di idee, del consenso e di un linguaggio comune» http://it.sputniknews.com/mondo/20160308/2231243/iran-test-missili.html#ixzz42KT2lKuy

VATICANO – YEMEN
Papa: Il massacro delle suore di Madre Teresa, un atto diabolico e insensato
http://www.asianews.it/
In un messaggio a firma del Segretario di Stato, Francesco esprime “shock” e “profondo dolore” per la morte di quattro Missionarie della Carità e altre 12 persone, uccise in una casa per anziani di Aden. “In nome di Dio, chiedo a tutte le parti di rinunciare alla violenza e rinnovare l’impegno per il popolo dello Yemen”.

INDIA – YEMEN
Card. Gracias: Testimoni dell’amore di Cristo le suore di Madre Teresa uccise in Yemen
http://www.asianews.it/
Il commosso ricordo dell’arcivescovo di Mumbai per le quattro religiose uccise oggi insieme a 10 civili in un raid compiuto “per motivi religiosi” da uomini armati ad Aden. Esse hanno svolto fino alla fine il compito delle Missionarie della Carità: spegnere la sete di Cristo attraverso il servizio agli ultimi. In serata, adorazione eucaristica e preghiera per p. Tom Uzhunnalil, sacerdote salesiano rapito nell’attacco.
04/03/2016 YEMEN
Vicario dell'Arabia: Uccise per motivi religiosi le suore di Madre Teresa in Yemen
 ==============
Ho letto che, Silvio BERLUSCONI ha votato nel Governo RENZI per reintrodurre: IMU, ecc.., quindi, poi, sarà eletto lui, per rimuovere le tasse sulla casa (un altra volta), e così fare questa giostra criminale all'infinito! IO CREDO CHE, UN COTANTO MASSONE: BRUCERà LA CREDIBILITà E LA CARRIERA POLITICA DI MELONI E SALVINI! se, il PD non riceveva finanziamenti dagli Enlightened Rothschild? la azienda ITALIA avrebbe fatto bancarotta peggio della GRECIA già da molto tempo! .. è più intelligente, per noi stare alla opposizione, ancora un poco, che non mettere un piede in fallo! Quindi fare un asse politico con MELONI SALVINI, e fagogitare l'elettorato di Destra, altrimenti, noi avremo lo schifo di ritrovarci tutti all'inciucio dalla POLIBORTONE!

India è UN GOVERNO PENOSO PIENO DI MONSANTO: GMOS governo CRIMINALE OGM, CHE FA MORIRE SUICIDATI DALLA DISPERAZiONE I SUOI CONTADINI! E TUTTE LE NAZIONE FANNO SUICIDARE GLI IMPRENDITORI PER I MUTUI ROTHSCHILD TRUFFA SPA FED FMI SIGNORAGGIO BANCARIO! .. è perché, la finanza non può controllare la contabilità delle Banche CENTRALI? Perché non esiste una matematica che può essere mostrata nella Banche Spa Centrali: è evidente!

The open practice of any religion other than Islam is forbidden here, and conversion to another faith is punishable by death. Most Christians are ex,pats from Asia or Africa. During 2013, several Christian migrant fellowships were raided by police, and tens of worshippers detained and deported. Muslim,background believers run the risk of honor killing if their faith is discovered. Yet a small but growing number of Muslims are coming to Christ and sharing their faith on the internet and satellite TV.
PRAY: Widespread unemployment and increasing discontent amongst young people makes this a breeding ground for extremists. Ask God to halt the spread of extremist views.
That more Muslims will meet Jesus through satellite TV or dreams and visions of Jesus.
In 2013, two men were convicted of proselytizing, and were sentenced to a few hundred lashes and several years in prison. Pray for their release.
Give to Persecuted Christians. Leave a Prayer or Comment. NOTE: Comments which use inappropriate language or attack any individual based off of religion, ethnicity, belief etc will be removed. Take the World Watch List Challenge. Make a huge impact for persecuted Christians.
The World Watch List Challenge is a three part challenge designed to inspire prayer, awareness, and financial support to impact the lives of persecuted Christians around the world.
"We didn't know that people outside of Nigeria knew about the crisis. It is so encouraging to know that other Christians around the world are praying for us."
About Persecution. And you will be hated by all for my name's sake. But the one who endures to the end will be saved." Matthew 10:22. Persecution is defined as a policy or campaign to exterminate, drive away, or subjugate a people because of their religion, race or beliefs. According to The Pew Research Center, almost 75% of the world's population lives in areas with severe religious restrictions. Many of these people are Christians. So, who are the 75%? Where are Christians facing persecution? Persecution occurs whenever believers are denied the protection of religious freedom, prevented from converting to Christianity because of legal or social threats, physically attacked or killed because of their faith, forced to leave their job or home because of the threat of violence, or imprisoned and interrogated, and often tortured for refusing to deny their faith.
Christians face persecution in more than 60 countries around the world. Each year, Open Doors ranks the top 50 countries where Christians are persecuted in the annual World Watch List. You can learn more about Christians who are persecuted (and how you can help them) here at: http://www.worldwatchlist.us It can be disheartening to learn that so many Christians are being persecuted for their faith. But it is key to remember that Christ was persecuted and suffered, to the point of death on the cross. He tells us that if we follow Him, we will be persecuted (John 15:18,21). In 1 Corinthians 12:26, the apostle Paul talks about Christians (as the Body of Christ) facing persecution: "If one member suffers, all suffer together; if one member is honored, all rejoice together." Though we may not face persecution, we are called to be united with the part of the Body of Christ that does face persecution daily. The most important way to unite with our brothers and sisters who do face persecution is through prayer.
Romans 15:30 says, "I urge you, brothers and sisters, by our Lord Jesus Christ and by the love of the Spirit, to join me in my struggle by praying to God for me."
One Nigerian widow said, "I didn't know that anyone outside of Nigeria knew what was happening to us Christians. Now that I know that others are praying, I am greatly encouraged."
You can learn more about praying for persecuted Christians, and sign,up for free resources at:
http://www.opendoorsusa.org/pray/prayer,updates/
About Open Doors. Open Doors works in the world's most oppressive countries, strengthening Christians to stand strong in the face of persecution and equipping them to shine Christ's light in these dark places. One of the greatest challenges to Christians living under tyranny and oppression is isolation – from God's word and from the body of Christ.
Where other Christian organizations cannot enter or have been forced to flee by oppressive governments or cultures, Open Doors can be found – supplying Bibles, training Christian leaders, developing Christian communities and ensuring prayer, presence and advocacy for these suffering believers. When the Christians are strengthened in the Lord, they begin to demonstrate God's forgiveness and reach out in love, even to their oppressors.
The witness of the persecuted church has a unique power to reach lives and communities that would otherwise never be open to the gospel – but they cannot do it alone.
OUR MISSION. We are a non,profit organization working in the most oppressive countries, providing Bibles and literature, media, leadership training, socio,economic development and ensuring prayer, presence and advocacy for Persecuted Christians.
We strive to raise awareness of global persecution, mobilizing prayer, support and action among the Christians around the world. Every year, we publish our World Watch List which ranks countries by the severity of persecution. Learn more about World Watch List and how Open Doors ranks countries of persecution. About Christian Persecution. "Everyone has the right to freedom of thought, conscience, and religion; this right includes freedom to change his religion or belief, and freedom either alone or in community with others and in public or private, to manifest his religion or belief in teaching, practice, worship and observance." Article 18, Universal Declaration of Human Rights. WHAT IS CHRISTIAN PERSECUTION?
Christian Persecution is any hostility, experienced from the world, as a result of one's identification with Christ. From verbal harassment to hostile feelings, attitudes and actions, believers in areas with severe religious restrictions pay a heavy price for their faith. Beatings, physical torture, confinement, isolation, rape, severe punishment, imprisonment, slavery, discrimination in education and in employment, and even death are just few examples they experience on the daily basis.
According to The Pew Research Center, over 75% of the world's population live in areas with severe religious restrictions. Many of these people are Christians. Also, according to the United States Department of State, Christians in more than 60 countries face persecution from their governments or surrounding neighbors simply because of their belief in the person of Jesus Christ.
WHERE IT OCCURS?
In the United States, it's easy for believers to take for granted the rights they so regularly enjoy. From praying and worshiping in public to attending Sunday worship services, practice of one's faith is generally accepted in America.
But this isn't the case in many nations such as North Korea, Saudi Arabia, Iraq, Afghanistan, Somalia, Mali, Syria, etc. in which religion, itself, is banned or where one faith system is permitted and touted, with all others being continually denigrated. The persecution is so severe in many localities, Christians are systematically targeted and mistreated because of their religious beliefs. According to The Pew Research Center, The Economist, Christians today are the most persecuted religious group in the world.
WHERE CHRISTIAN PERSECUTION IS WORST
Every year, we release our annual "World Watch List," a ranking of 50 countries that exposes the places Christians are most persecuted across the globe. World Watch List includes individuals in all Christian denominations within an entire nation.
INDEX OF CHRISTIAN PERSECUTION IN THE MOST UNFRIENDLY COUNTRIES
According to this graph, the statistic shows the index of the persecution of Christians in the top unfriendly countries around the world 2013. North Korea is the country with the strongest suppression of Christians with an index value of 87.The survey for the World Watch List included various aspects of religious freedom: the legal and official status of Christians, the actual situation of Christians living in the country, regulations from the state as well as factors that can undermine the freedom of religion in a country.
WHY IT OCCURS? AUTHORITARIAN GOVERNMENTS SEEK TO CONTROL ALL RELIGIOUS THOUGHT AND EXPRESSION. There are variety of reasons why Christians are persecuted. One of the reason it occurs, is when severe abuse of Christians takes place under the authoritarian government. In the case of North Korea and other Communist countries, authoritarian governments seek to control all religious thought and expression as part of a more comprehensive determination to control all aspects of political and civic life. These governments regard some religious groups as enemies of the state because they hold religious beliefs that may challenge loyalty to the rulers.
HOSTILITY TOWARDS NONTRADITIONAL AND MINORITY RELIGIOUS GROUPS
Another reason why Christians are persecuted is hostility towards nontraditional and minority religious groups. For example, in Niger more than 98 percent of the population are Muslims and hostility comes more from society than from the government. Historically, Islam in West Africa has been moderate, but in the last 20 years dozens of Islamic associations have emerged, like the Izala movement which aims to restrict the freedom of 'deviant Muslims' and minority religious groups like Christians.
THE LACK OF BASIC HUMAN RIGHTS. The lack of basic human rights is another significant part of persecution in some countries. For instance, in Eritrea violations such as lack of freedom of expression, assembly, religious belief and movement; extrajudicial killings, enforced disappearances, extended incommunicado detention, torture and indefinite national service cause many Eritreans to flee the country. Freedom of religion, like all freedoms of thought and expression, are inherent. Our beliefs help define who we are and serve as a foundation for what we contribute to our societies. However, today many people liver under governments that abuse or restrict freedom of religion. Christians in such areas suffer deeply, and are denied basic freedoms that humans should be entitled to. In 1948 the United Nations General Assembly adopted the Universal Declaration of Human Rights. This declaration came as a result of the treatment of the Jews in Nazi Germany. The document states that every person is entitled to basic human rights. This reaffirmed the dignity and worth of all human beings no matter what a person's race, color, sex, language, religion, political or other opinion, national or social origin, property, birth, or other status. In 1966, the United Nations developed the International Covenant of Civil and Political Rights in addtion to the Universal Declaration of Human Rights. Article 18 of the International Covenant of Civil and Political Rights focuses on four elements of religious freedom:
Everyone shall have the right to freedom of thought, conscience and religion. This right shall include freedom to have or to adopt a religion or belief of his choice, and freedom, either individually or in community with others and in public or private, to manifest his religion or belief in worship, observance, practice and teaching.
No one shall be subject to coercion which would impair his freedom to have or to adopt a religion or belief of his choice.
Freedom to manifest one's religion or beliefs may be subject only to such limitations as are prescribed by law and are necessary to protect public safety, order, health, or morals or the fundamental rights and freedoms of others.
The States Parties to the present Covenant undertake to have respect for the liberty of parents and, when applicable, legal guardians to ensure the religious and moral education of their children in conformity with their own convictions
The Bible calls us to be advocates of human rights. Psalm 82:3 says "Stand up for those who are weak and for those whose fathers have died. See to it that those who are poor and those who are beaten down are treated fairly." As Christians we need to see that all people are entitled to basic human rights.
WHY WE SERVE PERSECUTED CHRISTIANS?
As Christians in the free world, we are to take stand for our persecuted brothers and sisters in Christ. It is a simple matter of compassion and justice to speak up for the suffering (Zechariah 7:9, Luke 11:42, Matthew 25:35,36). In following Christ's example, we are to show mercy to those who are suffering, especially those in the household of faith (I Corinthians 12:26,27).
Financial & Annual Reports. Open Doors USA 2013 Financials. Open Doors with Brother Andrew, Inc. is a 501c(3) tax,exempt organization. All donations made to the organization are tax,deductible. At Open Doors, stewardship is an integral part of everything we do, because we recognize that every resource entrusted to us can transform the lives of persecuted Christians. In 2012, millions of Bibles and training materials have been delivered to children, families and communities in need. Open Doors is a charter member of the Evangelical Council for Financial Accountability. To check up on us, please feel free to view our 2012 Annual Financial Report, 990 Form, and our Audited Financial Statements Report.
We believe to strengthen and equip the body of Christ living under or facing restriction and persecution because of their faith in Jesus Christ, and to encourage their involvement in world evangelism by providing Bibles, literature, media, leadership training, socio,economic development, and intercessory prayer.
BIBLE AND LITERATURE DISTRIBUTION
A boy receives his bible from Open Doors.
In 2012, Open Doors continued its commitment to placing Bibles and other biblical literature into the hands of the persecuted Church. We have never wavered from our commitment to the principle that the Spirit of God uses the Word of God to do the work of God in the hearts and minds of people. Over 2.4 million Bibles, study materials, and children's curricula were delivered to waiting hands and hearts in 2012.
In the Middle East, over 830,000 Bibles and study materials were distributed while in Africa 50,000 children received their own Bible from Open Doors. One Nigerian boy joyfully exclaimed "now that I have my own Bible I can read it anytime I want!" In Egypt, where Christ,followers are facing increased persecution, Open Doors brought critical assistance with the distribution of more than 160,000 Bibles. In Central Asia, Christian coloring books produced by Open Doors in several native languages were distributed to thousands of children who were introduced to the stories of the Bible for the first time. The delight of owning a Bible was dramatically felt in the words of a young Sri Lankan student whose seminary career had never included a Bible of his own until Open Doors gave him one. "My Study Bible has helped me understand Bible passages better," he shared. "Especially those I preach about on a Sunday."
LEADERSHIP AND PASTORAL TRAINING. Training Leaders to become effective ministers of God's Word for Sama Believers., The conviction that the church is only as strong as its leadership has been a driving value at Open Doors since the beginning. In 2012, over 219,000 church leaders received assistance from Open Doors through seminars offering training in theology, teaching the Bible, leadership, perseverance through trial, discipleship and counseling.
Open Doors took advantage of opportunities in the Middle East to introduce a Trauma Counseling Training course called Captivity and Release. With imprisonment becoming a daily reality in many areas, this training course addresses the unique needs of those who survive the miseries of confinement, interrogation and even torture. Through these sessions church leaders are equipped to come alongside those who are being overwhelmed with waves of despair and spiritual emptiness. We are seeing many find physical, emotional and spiritual healing, and restoration.
Where persecution is rampant, the only hope is a strong biblical foundation and through people,to,people training Open Doors continues to see this hope grow among those whose faith in Christ can mean the reality of daily persecution.
CHRISTIAN COMMUNITY DEVELOPMENT. Open Doors distributed bicycles to needy pastors and evangelists. Often the broader effects of religious persecution go unrecognized by those whose only contact with the persecuted church comes through stories of imprisonment and torture. But many more suffer being ostracized from their neighbors and ruthlessly prevented from making a living, gaining education for their children, and even getting the basic necessities of life.
In 2012 Open Doors served more than 207,000 people through community development projects designed to provide job training, educational opportunities, financial support, church restoration, and medical assistance. In Egypt, 29,500 Christ,followers found themselves in immediate and desperate need. Open Doors was there to help, both spiritually and with the provision of daily essentials. In Central Asia, a young couple was forced from their jobs when the authorities found a Bible in their home. Open Doors stepped in to help them purchase enough livestock to begin a small farm that, under the blessing of God, now supports the family as well as a local church. The wife declared "Helping us in this way gives us wings to continue! Thank you for making all this possible."
PRAYER, PRESENCE AND ADVOCACY MINISTRIES. Praying for Persecuted Believers at National Open Doors Day. Open Doors has always been about being with those who follow Christ at great personal cost. We are privileged to share their suffering, learn from their courage, and champion their cause. In all this, prayer stands at the beginning, at the end, and everywhere in between. Through our prayers God builds His heart in us even as He moves miraculously in the lives of our persecuted Christian brothers and sisters. Through our commitment to being with people we have the privilege of reminding them that they are loved by God, and by our prayer partners around the world. They are not forgotten. Our worldwide teams are actively sharing the grace and truth of Christ with the widows, orphans and prisoners, reminding them that the valley of death can't derail the love and provision of our Savior. The Persecuted Church remains strong, and we are advocating for them at the highest levels of government, using every means possible to promote justice and mercy. Yet, our strongest weapon remains the faithful, heart,felt, and informed prayers of God's people, as we intercede for those who share our faith but not our freedom.
DOWNLOADABLE REPORTS & AUDIT FORMS. "What Do You Want Me To Do For You?" Posted on February 14, 2014 by Janelle in Countries, Stories. Communism, deep spiritual allegiance and persecution are all challenges that Christians in Vietnam face. It is a mainly Buddhist country (52.48%), with a population of over 90 million people. Vietnam is ranked 18 on the Open Doors World Watch List, which is three spots up from its ranking in 2013. Though these challenges are difficult for Christians in this country, they are also opportunities for us to join together and pray for these believers. Jesus had a heart for listening to and learning about the problems that each person he encountered was facing. In Mark 10:51, Jesus asks the blind man, "What do you want me to do for you?" Jesus obviously knew that the man was blind, yet just like He does today, he waited for the man himself to declare his need to Jesus.Through this example, we know that we must learn to pray for specific needs on behalf of the persecuted, so that our prayers will rise like incense to God, and we will see change in the world. Here are two stories from Vietnam that we can pray for.
Last January, local authorities refused to grant believers in South Vietnam a permit to hold Sunday worship. Their pastor, Hoan*, had been renting a house for their weekly fellowship for the past eight months. The officers claimed that there was no "red paper"—indicating it was for lease—attached to the said house. The religious pressure took its toll on Hoan's health. "When Hoan learned about Tien's case," said a local source, "Hoan got sick."
In Central Vietnam, a police officer knocked down the door of another house church while it held its worship service on January 5. He demanded that believers write their names on a piece of paper. The youths, for fear of their names reaching their schools, rushed and hid in another room.
The rest of the congregation, however, stood their ground and refused to give their names. The officer pressured the pastor to give the names, and that if he did, the house church would be allowed to continue their worship. The pastor refused and said that the religious regulations—referring to Decree 92—required churches to report only the number of the members, but not their names.
God, we pray for these believers to continue in their boldness, and to not fold underneath the weight and pressure that these local authorities are putting on them. We thank you for their witness, and we pray that many people in their community want to know Jesus because of what these believers are doing. In Central Vietnam, a Christian student Thanh* was estranged from her mother, who had discovered a portrait of Jesus in her daughter's closet. Thanh had just come home from a youth prayer meeting on January 17 when her mother confronted, mocked and cursed her about the portrait. She forced Thanh to recant her faith on paper, and to choose between Jesus and her family.
"Thanh kept quiet," said another local source. "So, her mother got even more infuriated, and told Thanh to leave the house, but she stayed.". The mother would not speak to Thanh since, and the 23 year old university student had to take on a job, so she could continue and finish college. Thanh became a follower of Jesus at the age of eight, and had always wanted to share the gospel to her family. We are so encouraged, God, by the stand that Thanh has already taken. We ask that you would continue to pour Your strength into her. We ask so boldly for You to soften Thanh's mother's heart, and that the gospel would begin to be so beautiful and unavoidable to her.
*Names have been changed and certain details withheld for the believers' protection.
Growing Faith: Letter Writing Campaigns, Posted on February 13, 2014 by Janelle in Countries, Stories. Letter Writing, Ethiopia. When Daniel, a student from Oregon, heard about our letter writing campaigns, he was instantly hooked. His faith has been strengthened through his experience connecting with the persecuted church through letters. He had a project to do for school, and he found a way to incorporate letter writing into it. Here, Daniel shares his experience with us:
When I first heard David's story, I was emotionally disarmed. David, a church leader in Ethiopia (17 on our World Watch List), was attacked by a group of men one fateful morning in his home community. Miraculously, David survived this violent attack and lives on to share his testimony of his love for Jesus Christ and the power of faith. As David so courageously asserts, "The Lord has given me another chance to serve Him. The bullets didn't get me. There were more than 30 attackers. It is by the prayers and support of other believers we survived so far. I can only say God wants me to continue His work here. I have some unfinished business here."
These brave people often live in environments of dire poverty with high crime rates and a complete lack of religious freedom. In spite of the conditions they have to endure, these people clutch firmly onto their faith and rise above the darkness that surrounds them. What they all have in common is not just faith, but hope. I then chose to participate in a letter writing campaign with Open Doors.
When I first began my project I had been given a list of people to write letters to, but I knew that I would need to do a lot of research before delving into my letter writing. I really didn't want to commit the mistake of commenting on situations in places in the world that are very foreign to me without fully understanding the social, political and spiritual climates of the countries where my letters would ultimately be sent. So, off I went, researching places like Ethiopia and Kenya, trying to understand what it is like to live in those parts of the world and what words of encouragement could I offer to the people living there. When the time came to start drafting my letters, I found it to be less intimidating than I had initially thought. Although I struggled at first to find the right words, I quickly discovered that all I really needed to do was speak from the heart. The message I was relaying was simple, but nonetheless important: To keep trusting God no matter what life throws at you. What I discovered in the process of writing these letters was that the things I wrote didn't just have the effect of helping the intended audience; they also had a profound effect on me at a time in my life when I have faced a number of personal crisis's and have had my faith tested.
The most profound realization I came to after engaging with those in the margins is with the right kind of mindset, I have the power to make the world a better place. In the words of Dietrich Bonhoeffer, "We have for once learnt to see the great events of world history from below, from the perspective of the outcast, the suspects, the maltreated, the powerless, the oppressed, the reviled—in short, from the perspective of those who suffer."
In the end, I found something that caused my faith to be challenged and gave me a much fuller understanding of the impact that faith, hope and the fight for social justice have on the world. I learned that these three things are closely intertwined and really can't exist without each other. Therefore, I now understand that I have a great responsibility and opportunity to help make the world a better place through my faith and newly enlightened philosophy that hope is the driving force to all positive change in this world. It is a light that God shines down into our darkness that gives us the strength to fight for what matters; for what is true, for what is good, for what is fair and for what is right. He started out with an open mind and a willing heart. That is something that we all can have, and with God's grace, we will begin to learn and see what life is like for the persecuted. We will develop compassion for them in incredible ways, just as Daniel has. We are so humbled by his heart for those in chains around the world, and we pray that all who read his story would be similarly challenged by God, and allow Him to beautifully interrupt their lives.
What Would Your Life Be Like In The Top 10 Countries?
Posted on February 12, 2014 by Daniel in Countries, Stories. feb_newsletter_header. Imagine walking to Bible study, constantly looking over your shoulder to ensure you aren't being followed. Imagine getting ready for church, knowing that nearly 300 churches have been attacked in your country. Imagine knowing that not only you, but your parents, your children and your grandchildren have been sentenced to life in a prison camp because your faith was discovered. These thoughts never cross our minds as we get ready for Bible study, sit in church or when someone discovers our faith. But this is reality for many Christians around the world.
So what's it like to live in the worst places on earth to be a Christian? Take a deeper look at the top ten countries on the 2014 World Watch List: North Korea. For the 12th consecutive year, this is where Christian persecution is most extreme. The God,like worship of Kim Jong,Un and his predecessors leaves no room for any other religion. Forced to meet only in secret, Christians dare not share their faith, even with their families. Anyone discovered engaging in secret religious activity may be subject to arrest, torture or even public execution. Somalia. Islamic leaders and government officials publicly reinforce that there is no room for Christians in Somalia. The Islamic extremist group, al,Shabaab, targets Christians and last year reports indicate that at least ten believers were killed by the group. Christians often hide their faith from one another, for fear of betrayal. Syria. As the conflict inside Syria worsens, targeted violence against Christians has escalated. Many Christians have been abducted, physically harmed or killed, and many churches damaged or destroyed. In October, Islamic extremists invaded the ancient Christian settlement of Sadad, killing at least 45 people, and injuring many more.
Iraq. Islamic terrorist groups are increasing and are aiming to rid the country of Christians. According to a local source, every two or three days a Christian is killed, kidnapped or abused. As a minority group, Christians are an easy target for kidnappers.
Afghanistan. The country remains unstable, and Islamic extremist groups continue to gain power. Christianity is considered a 'Western' religion and those who leave Islam face pressures from family, society and local authorities. An Afghan politician recently called for the execution of converts to Christianity. There is no public church.
Saudi Arabia. The open practice of any religion other than Islam is forbidden and conversion to another faith is punishable by death. During 2013, several Christian migrant fellowships were raided by police, and many worshippers were detained and deported. In spite of all this, a growing number of Muslims are coming to Christ. Maldives. To be Maldivian is equated with being Muslim, so officially there are no Maldivian Christians, only expatriate Christians. The law prohibits conversion to other faiths, and those who do so face losing citizenship. There are no church buildings, and the few Maldivian Christians must hide their faith to avoid being discovered.
Pakistan. The notorious blasphemy laws continue to have devastating consequences for Christians. Women and girls are particularly vulnerable, and sexual assaults against underage Christian girls by Muslim men continue to be reported. A twin bomb attack on Anglican All Saints Church in Peshawar left 89 people dead. Iran, Since Ayatollah Ali Khamenei's warning of the ever,expanding influence of house churches, the treatment of Christians has rapidly worsened. The regime monitors church services, arrests converts, bans Farsi language services and has closed some churches. However, the church continues to grow. Yemen. There is some religious freedom for foreigners here, but evangelism is prohibited, and Yemenis who leave Islam may face the death penalty. Muslim,background believers are forced to meet in secret. Christians are believed to be under surveillance by extremists. World Watch List Challenge, 5 Afghanistan. Posted on February 10, 2014 by Emily in Countries, Stories. Afghanistan. "When Satan fell to earth, he fell in Kabul." This saying is sadly heard all too often in Afghanistan. Life in war,torn Afghanistan is hell on earth for many of its citizens. And for Christians, it's even worse… All Afghan Christians come from a Muslim background. If it becomes known that someone has converted to Christianity, he or she will face discrimination, hostility and severe persecution from their family, friends, community, local authorities and Muslim leaders. Due to this severe persecution, not a single official church remains in Afghanistan. Secret believers in Afghanistan are asking Christians worldwide to join them in prayer for their country. Here are their top five prayer requests: 1. The Christians in Afghanistan form a small church. Many are not part of a network of Christians. They feel isolated, and often do not know who to trust. Pray that the underground church is able to unite and to grow. 2. Christians are extremely vulnerable. Their families feel obliged to save the family honor by forcing them to reconvert. If that does not happen, Christians can be disowned, banished, abused, kidnapped or even killed. The authorities and extremist groups form another threat to the lives of Christians. 3. In 2014, the American troops will pull out of the country. There are many scenarios of what could happen. Extremists could seize power, or the government could work together with these extremist groups. Unless God intervenes, freedom of religion does not seem probable. 4. Thank God for the many Afghans who listen to Christian radio stations or download Christian materials from the internet. Some are genuine (but isolated) believers, others are disappointed in Islam and want to know more about Jesus Christ.
5. Every year, Christians lose their life for their faith. Often, these cases go unreported, but the pain and trauma of those who are left behind are immense. Pray that God heals the families of martyrs and makes them strong so they can endure in these difficult times.
*Names, photographs and other information have been changed for security purposes
Thoughts From Our Founder: 5 Essential Questions About The World Watch List
Posted on February 7, 2014 by Janelle in Stories
Brother Andrew. In 1955, a young man responded to God with obedience to help those being persecuted in the world. 60 years later, our founder Brother Andrew (85) still has that contagious yearning to be right alongside our brothers and sisters experiencing on,going persecution worldwide. Brother Andrew cannot help but be concerned about what is going on in the world. For the Open Doors Magazine, he shares his perspective of the new World Watch List.
What does the new World Watch List show you?
Persecution is not decreasing, but in 2/3 of the countries on the World Watch List, it is only increasing. In this respect, the World Watch List worries me, even though it is a good means of gaining ideas for prayer. Do you then pray for all the countries that are on the list?
I focus on the countries with which I am still closely involved: Pakistan, Afghanistan, Iraq, and now Syria has joined these. I find it very worrying that a country like Syria, with a Christian background, is being destroyed like this. We must be present in these countries, as witnesses to Christ, in the same way that we must make the Word of God heard in all the places where we are in the world. In the Netherlands and Belgium, we can certainly do this by making the news of the list heard: these things are happening to our brothers and sisters around the world. Looking back on the year 2013, which event made the greatest impression on you? That I was able to pray with leaders of terrorist movements in the Middle East. They know full well that I do not agree with them, and still I am welcome there. I prayed for various leaders. They allowed this, and I can tell that they are seeking. I recall that I prayed with one and clearly mentioned the name of the Lord Jesus. When I said "Amen", he also confirmed the prayer with a sincere "Amen". Which development on the World Watch List worries you? That countries where previously there was previously no persecution are now suddenly shooting up. I am referring specifically to countries in Africa, such as the Central African Republic. This increase mainly has to do with the growing influence of Islam. No one will be able to do anything about this as long as we keep calling Muslims 'terrorists' and 'the enemy'. Anything you oppress and reject is actually going to grow. You see this happening with the persecuted Church, which is growing despite oppression, but you also see it happening with radical Islam. How can we bring about a change in this? We must bring about a change in our thinking. As long as we make out all radical Muslim groups to be terrorists and condemn people in advance, tension will continue to exist between Christianity and Islam. I have difficulty with putting groups into boxes. On a political level, it is so quickly decided who the enemy is and whom we must support. But who is it about? Everyone falls under the great commission in Matthew 28:19, 'Go and make disciples of all men, baptising them in the name of the Father and the Son and the Holy Spirit and teaching them to obey everything that I have taught you.' I keep to this and feel called to sincerely to love people because God loves them. Even if you are treated discourteously, remember your own attitude: show yourself to be a Christian. Do what Jesus did. Being a man devoted to prayer and involvement, Brother Andrew sets the tone for Open Doors. He understands the importance of being one with those being persecuted worldwide, and the importance of loving their persecutors. Through his example, we can learn so much. Join us in prayer for not only our own eyes to be opened to the role we must individually play, but also for these brothers and sisters to stand strong amongst their intense circumstances. Check out our World Watch List to find out how you can be praying specifically for each nation. President Obama Talks About Persecuted Christians At The National Prayer Breakfast
Posted on February 6, 2014 by Joshua in News
20130207, prayer, breakfast, (Official White House Photo by Pete Souza)
David Curry, CEO of Open Doors USA in Washington D.C. sharing his thoughts on President Obama's remarks. Today, at the National Prayer Breakfast, President Obama spoke about the global persecution of Christians. "Yet even as our faith sustains us, it's also clear that around the world freedom of religion is under threat," said President Obama. The President went on to speak about countries such as North Korea, Iran, The Central African Republic and Nigeria (where nearly 300 churches were attacked last year). During his speech, he highlighted the peril of those enduring religious persecution. He specifically urged North Korea to release Christian missionary Kenneth Bae and for Iran to release Christian pastor Saeed Abedini. "I am encouraged by President Obama's support for persecuted Christians and other faith groups in such places as North Korea, Iran and other countries around the world," Curry says. "With the number of martyred Christians almost doubling last year from 1,201 to 2,123, according to Open Doors researchers, it is past due for a new focus in the State Department and our entire government to support the value of religious freedom worldwide and in our own country." Open Doors unveiled the 2014 World Watch List (which ranks the top 50 countries where Christians face the greatest persecution) in January at the National Press Club in Washington DC. Of the countries on the list, 66% saw an increase in persecution from the previous year. North Korea topped the list as the most difficult country in the world to be a Christian for the 12th consecutive year. The global persecution of Christians is increasing and cannot be ignored. Join with us in spreading the word about their plight and coming along side our brothers and sisters in prayer. You can sign up to receive more resources at http://www.worldwatchlist.us.
You Can Do Something For Christians In The Central African Republic
Posted on February 5, 2014 by Janelle in Countries, Stories. Central African Republic
"The pastor of the first site told us that 4,000 people are packed into the church compound," says the Open Doors Field Director for West and Central Africa. He is in Bangui, capital of war,torn Central African Republic (CAR), to encourage believers, assess the needs of persecuted Christians and to meet with senior church leaders. "The numbers are swelling day by day. The French and African Union troops are limited in number, and the Seleka have not yet been disarmed. Although the ex,rebels know their time is up, they still cause trouble in various places. New families keep arriving in the camps, indicating that security remains a problem in many areas in town. For camp staff, major challenges include the provision of water, sanitation and food. The Office of the United Nations High Commissioner for Refugees has provided some large shelters, and the Red Cross has dug some pit latrines and set up improvised washing areas."
As his report indicates, the situation in CAR is dire. Sometimes when we read reports like this, we feel hopeless, like there is nothing we can do to help our suffering brothers and sisters.
However, there is a way you can help Christians in CAR (and it will take less than a minute to do)!
Last week, several organizations started advocating for more troops on the ground in CAR. Join with us and these other organizations by sending tweets to Dlamini Zuma. Zuma is a South African politician, and is also the chairperson of the African Union Commission, the executive/administrative branch of the African Union.
Join with us and ask your colleagues, friends, family and others to tweet and raise their voice for the Central African Republic. Here is a tweet to get you started:
@_African Union Please approve UN Peacekeeping Operation to CARcrisis with at least 10,000 soldiers to prevent disaster DlaminiZuma ODCAR. Thank you for standing with persecuted Christians in CAR! World Watch List Challenge, 4 Iraq. Posted on February 3, 2014 by Emily in Countries, Stories. Iraq. The body of Salem Dawood Coca was found in his truck on the 8th of July, one month after he had been abducted. Salem was a 63 year old water truck driver known for his kindness. He left behind his wife and three children. Since his truck was rigged with explosives, the police believe that he was killed after he had refused to do a suicide bombing. A fieldworker says that this suicide bombing wasn't the only thing the kidnappers tried to force Salem into: "I believe that they also wanted to force him to convert to Islam and attack Christians, which this man very bravely refused. This man seems to have stood for his faith until the last moment."
The kidnappers had contacted Salem's family, saying that Salem was a 'Christian infidel,' but didn't demand a ransom. According to the same fieldworker, this shows that the kidnappers' intention was to intimidate and scare the Christians of Nineveh. Sadly, this isn't the first incident indicating this. "Muslim extremists often come from the outside with the clear goal of driving the Christians away," shares the field worker. "An example is the kidnapping and killing of the former Archbishop of this area, Paulos Faraj Rahho, that happened three years ago. Despite these incidents, Christians are unashamed to wear the cross in what Muslims feel should be an Islamic state.
*Names, photographs and other information have been changed for security purposes
Quotes of Hope: Iraqi Social Media Posts. Posted on January 29, 2014 by Janelle in Countries, Stories. While you may be the biggest fan or most outspoken against Facebook or Twitter, we are praising God today for His hand in using social media to bring people around the world to Himself. As you may recall from the revolution in Egypt a few years ago, social media is undoubtedly playing a key role in the organization and execution of social movements. In this unique blog post, our fieldworkers have gathered some posts for social media discussing persecution in Iraq, and the hope for the church within all of it. Young IDP (Internally Displaced Person): "That people have died because they rather die than deny their faith gives me hope: it shows me that Christianity is strong." Bishop Nicodemos of the Syrian Orthodox Church: "I have faith that one day all Christians that have fled will return to Iraq." IDP that has fled from place to place because of the violence: "In all these years I have been moving around, I never felt like my life was difficult, because God was with me all the time. When I was in need, he provided for me in miraculous ways. Like the time that I had to give birth to one of my children, and there were a lot of bombs outside. I had to bring myself to the hospital because there was no electricity, and the doctor asked me, "How is it humanly possible that you reached this hospital alive in your state of pregnancy?" I said, "God is always there." Sister from Erbil: "Yes, being a Christian is difficult in this country. When I was a child, I had to attend Islam classes because they taught Arabic at the same time, and if I would leave the class, the teacher wouldn't explain the Arabic to me. Still I have always felt strong and special as a Christian because I know I belong to God." Muslim background believer: "The presence of Christ gives me hope. I feel His presence even in places where people aren't good to me. Humans don't give hope, only Christ does." Brother from Erbil: "As a human I have no hope left. But because of Christ, I have hope." Brother from Baghdad: "Even if there is a bomb attack today, tomorrow we will go back to work, because we are convinced that Jesus cares for us. He will restore His Kingdom one day, this is my hope." Kurdish background believer: "Living as a Christian in a Muslim world isn't easy; I have to hide my Bible, but the contact with my fellow believers makes me strong." IDP who experienced violence from nearby: "I can't imagine living without my faith. Prayer helps me so much in this situation. I can overcome my problems when I pray. I feel God's power in me when I ask God to help me." Fieldworker: "I have hope because I see God is working in the hearts of Muslims in Iraq. Even if all the Christians from traditional churches leave Iraq, Christianity will stay, because God is building a church with Muslim background believers."
Priest of a small Christian village: "I have hope because God answered my prayers. I asked God to send me someone to help me to educate my congregation, and he sent you!"
Syrian Orthodox Clergyman: "Most of my family left the country, but I don't feel alone, because I see the church as my family." God, we ask You to open our eyes to strategic ways that we can use social media for Your glory. Teach us to depend on You for each moment, just as these brothers and sisters do. Help us to keep these believers always on our mind so that we can be praying continually for them, because we believe that prayer changes things. We praise you for who You are, and for the great mercy you have shown us. In Jesus' holy name, Amen.