sistema massonico Bildenberg

AAhhh boia MEDIASET, SILVIO BERLUSCONI, BOIA DI UN ASSASSINO, SPA FMI NATO BILDENBERG, NWO MERKEL OBAMA GENDER, SHARIA ARAB LEAGUE ONU AMNESTY, TUTTI GLI assassini NAZISTI SHARI'A, dei martiri cristiani ] [ voi fate del male ai miei canali, per pura malvagità, cattiveria gratuita, voi avete deciso di non guadagnare sulla pubblicità dei vostri video, per poter sputare sul sangue dei martiri cristiani! [[ CHE VOI SIATE MALEDETTI IN ETERNO! ]] Video: ID videoiNswHIvj6K4  Autore del reclamo R.T.I. Email dell'autore del reclamo: Emanuele.Callioni@mediaset.it Opera presumibilmente violata Puntata TV "progetto mk ultra creato nazi CIA" Video ID video OtzpeIlGazo Autore del reclamo: SBS Australia Email dell'autore del reclamo: sbscc@sbs.com.au Opera presumibilmente violata, Puntata TV "The Youngest Bride"

Benjamin Netanyahu] USURAI SONO SPIETATI, SONO AL DI LA DELL'UMANO! [ demonici farisei massoni satanisti SpA Fondo Monetario Banche CENTRALI, hanno rubato la nostra sovranità monetaria, e hanno il controllo di tutti i Governi del mondo (la nostra resistenza è futile: noi siamo i loro schiavi) per annientare tutto quello che Dio ha promesso ad Abramo [ hanno sollevato Relativismo darwinismo e ideologia del GENDER ] MA ANCHE [ hanno sollevato il nazismo sharia della LEGA ARABA ] . Sotto questo duplice attacco: interno ed esterno, tutti i valori umanistici occidentali crolleranno! la civiltà ebraico cristiana scomparirà ed i mostri gireranno sulla superficie di questo pianeta! ] USURAI SONO SPIETATI, SONO AL DI LA DELL'UMANO!

che cosa è l'ISLAM se non la legalizzazione, sistemazione e la razionalizzazione degli istinti più infamanti e criminali dell'uomo, come poligamia e pedofilia, come pena di morte per apostasia, e blasfemia per i traditori, ecc..? anche il satanismo è lo stesso concetto di organizzazione razionale ed entrambi impongono la loro legge, e la loro ideologia suprematista, con lo stesso metodo della violenza: la morte! A QUESTO PUNTO COSA ONU UNA NATO AMNESTY SONO DIVENTATI, ANCHE LORO PER ACCETTARE TUTTO QUESTO ORRORE ISLAMICO SHARIA? IO CREDO CHE è ARRIVATO IL MOMENTO DI PORRE AD OBAMA E A MERKEL QUESTA DOMANDA!
lui [ Autore del reclamo Media Gates Co. W.L.L    Email dell'autore del reclamo: seham@elmasna3.com] ] si è attribuito la proprietà di questi video e lui ha fatto punire il mio canale... Media Gate Co W.L.L ] [ professional, scientific, and technical services | professional, scientific, and technical services | media representatives Tel: +973 1729 5142     |   Fax Number: +973 1729 5362 Website: N/A Address: Rd 2004, Blk 320, Hoora, Manama, Bahrain ] ma questi video sembrano la proprietà di  [ http://www.islameyat.com/ who signed them ] say that, this is its video,  and did punish my many channels! ie
https://www.youtube.com/watch?v=p2M8veGVdLI
https://www.youtube.com/watch?v=vreeKYOlF5o
 حلقة اليوم من برنامج المرأة المسلمة ستكون مباشرة وبعنوان : علاقة محمد بالسحر والدماء! هي الجزء الخامس من سلسلة السحر! نستكمل معكم موضوع السحر، الجن، العرافة، الرقيه، المس الشيطاني في الفكر والتاريخ الاسلامي وكيف يؤثر ذلك علي المجتمعات العربية والإسلامية اليوم. أيضا الأهم هو كيف يتكلم الكتاب المقدس عن كل هذه المواضيع ماهي الحقيقه وكيف تساعدك كلمه الله علي التغلب علي كل هذه الامور الشيطانية!
فيديو  قناة الحياة  كلمه الله  محمد  أمور شيطانية  الفكر  الكتاب المقدس  المجتمعات العربية  المس الشيطاني  الأخت فرحة  الأخت مارينا  الأخت أماني  الإسلامية  التاريخ الاسلامي  الجن  الدماء  الرقيه  السحر  العرافة  علاقة
معرفات البحث - المزيد من معرفات البحث
غرفة المتنصرين  شبهات وردود  سؤال جرئ  رسول الإسلام محمد  حوار الحق  جنسية  جنسي  جنس  تراتيم فيديو  ترانيم أوديو  ترانيم فيديو  الشريعة الإسلامية  الشذوذ الجنسي  السعودية  الدولة الإسلامية  الدول الإسلامية فقط  الدول الإسلامية  الجنسية  الجنس  الثقافة الجنسية  التحرش الجنسي  الأصولية الإسلامية  الأخ رشيد  الأخ وحيدالأخت فدوى  الأخ وحيد  الأب زكريا بطرس  الأوضاع الجنسية  المسيحية في الإسلام  المرأة السعودية  المرأة والجنس  المملكةالعربيةالسعودية  المملكة العربية السعودية  القاهرة اليوم  الفتاوى الجنسية  إغتصاب  إختبارات فيديو  أبونا زكريا  يعتديان جنسيا  هالة سرحان  نجلاء الإمام  موسوعة الفتوحات الإسلامية  مفهوم التوحيد في المسيحية  قناة الحياة المصرية  قناة الحياة  قناة المحور  فرجها  فيديورضوى فرغلي  فيديوالإتجاه المعاكس  فيديوأحداث  فيديو
==================
Christian Coptic Martyrs     1.206 iscritti • 811.530 visualizzazioni
Data iscrizione 09 gen 2010 Flash:Just in from Coptic World.... join World to receive breaking news...concerning our Coptic community, here and abroad. Members of the clergy, Coptic Lawyer's Association, Coptic Solidarity, and CopticWorld as well as Coptic representatives from Michigan and other states met with White House officials today in a closed door meeting to address recent events in Egypt concerning Copts. The White House ......expressed deep concern over the events and laid out their plan to address such concerns. The issues discussed included the law on houses of worship, the up coming elections, the drafting of the constitution and the recent attacks on churches and peaceful Coptic protesters in Maspiro.
They welcomed any comments and concerns. White House officials were very up to date on all relevant information but invited Coptic community leaders to seek their point of view and also to set up a bridge between the White House and the Coptic community here in the United States. The exact details of the meeting were not to be divulged.
The White House asked that an announcement of this meeting be sent to the Coptic community to let them know that they are aware of the situation in Egypt, are working on diplomatic efforts to stop religious intolerance and are actively engaging the Coptic community in America.
You can see the minute by minute blogs on CopticWorld as the day unfolded.
http://www.copticworld.org/articles/467/ Please sign this petition. It will be -Presented to the Canadian government. Thanks.Copts massacre Oct.2011 to Canadian Government
www.petitiononline.com/egyoct11/petition.html
الشعب القبطي المصري المسيحي يطلب الحماية الدولية في عجالة Coptic Egyptian Christian people required international protection in a hurry
https://www.facebook.com/pages/YES-for-Coptic-international-­protection
- SHAME ON THE AMERICAN GOVERNMENT: "-Victoria Newland the Department spokeswoman of Minister of Foreign Affairs for the U.S. State said : Washington is worried about the Violence in Egypt... & they also said: that the Army/Civil AID will not going to be affected by the Maspero Coptic Christians Massacre Incident... " 10/13/2011
URGENT: Marshal Hussain Tantawi (The Butcher) orders the Egyptian army to runs over Christians in Maspero demonstrators with tanks and killed 50 Christian Copts-Martyred
Cairo-Egypt. 9/10/2011 Bodies of Christian martyrs cut to pieces in the streets and on bridges in pools of blood.
"Mass murder and genocide of Christians in Egypt (genocide)"
-Required to provide Field Marshal Hussein Tantawi (The Butcher) to the International Court of Justice and the trial as a war criminal, he and all the leaders of the Military Council of Egypt ((Islamists)
-FLASH: Regulates the Copts United States of America march Coptic rally outside the White House next Wednesday, October 19, 2001 at eleven in the morning will go later to the building of the U.S. Congress and to the Egyptian Foreign Ministry to demand the expulsion of the Egyptian Ambassador of the United States and the Commission of an international investigation in the massacre of Maspero and then provi...de the officials and participants in the committing this carnage to an international court.
Also plans many young Coptic after the march, sit in front of the White House and State Department
It should be that what happened before Maspero a crime against humanity and should be investigated from the international bodies of the United Nations.
USA: magdi.khalil@yahoo.com
Contact from Canada : Prof. Sheref El Sabawy:
416.540.3355 S_sabawy@hotmail.com Mr. Hany Tawfilis 647.241.2245 h.tawfilis@hotmail.com
+The 50 Christian Coptic Martyrs of Maspero Martyrs:Fadi Rezk Ayoup-Shehata Thabet-Naseef Ragy Naseef-Micheal Mosaad Gergis-Mekhaeil Tawfik Gergis-Ayman Saber Beshay-Ayman Foad Ameen-Wael Mekhael Ameen-Usama Fathy Aziz-Mina Ibrahim Daneal-Sa'ad Fahmy Ibrahim-Ayman Naseef Wahba-Sobhy Gamal Nazeem-Hany Foad Atya-Peter...-Romany Fekry Lemby Gergis-& one Unknown...& others thrown by the Egyptian Muslim Solders in the River Nile...!!!! :( +++ God have Mercy+++
http://theorthodoxchurch.info/blog/news/2011/05/snaps-of-the­-virgin-mary-orthodox-church-damaged-at-imbaba-in-cairo/
http://coptic-news.net/English/E_news.html
http://coptic-news.net/English/E_news.html http://coptic-news.net/English/E_news.html
=================
Netanyahu to American Jews: Iran Deal Will Cause War, Not Prevent It. August, 05 2015. Netanyahu addressed American Jewry in a webcast, explaining why he believes it imperative to rally against the Iran nuclear deal, which he sees as an existential threat to Israel and the world. Prime Minister Benjamin Netanyahu is continuing his campaign to persuade the public to reject the accord signed between the Islamic Republic and six world powers regarding its nuclear program. The latest stage in this battle was a live webcast on Tuesday aimed at Americans Jews, arranged by the Jewish Federations of North America and the Conference of Presidents of Major American Jewish Organizations.
During the session, which was attended by more than 10,000 people who fielded roughly 2,000 questions on the issue, Netanyahu reiterated Israel’s stance that the deal endangers the safety of Israel and the world, calling it a “bad deal” that enables Tehran to develop a nuclear bomb.
“The nuclear deal with Iran doesn’t block Iran’s path to the bomb. It actually paves Iran’s path to the bomb,” Netanyahu declared.” Iran can get to the bomb by keeping the deal or Iran could get to the bomb by violating the deal.” Netanyahu, one of the fiercest critics of the nuclear accord, also disputed Obama’s claim that opponents of the diplomatic deal favor war. He called that claim “utterly false,” stating, “I oppose this deal because I want to prevent war, and this deal will bring war.”
Netanyahu outlined “fatal flaws” in the deal in an effort to dispel “some of the misinformation” and “disinformation” about Israel’s position.
“The deal that was supposed to end nuclear proliferation will actually trigger nuclear proliferation,” he insisted. “It will trigger an arms race, a nuclear arms race in the Middle East, the most volatile part of the planet. That’s a real nightmare.”
“But the deal’s dangers don’t end there,” he warned. “The deal gives Iran also a massive infusion of cash and Iran will use this cash to fund its aggression in the region and its terrorism around the world. As a result of this deal, there’ll be more terrorism. There will be more attacks. And more people will die.”
Hezbollah
Hezbollah supporter holds photo of Islamic Revolution founder Ayatollah Khomeini (L) and Iranian Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei. Even if Iran invests only 10 percent of the money for terrorism, “that’s 10 percent of nearly half a trillion dollars that Iran is expected to receive over the next 10 to 15 years,” the Israeli leader affirmed. “That’s a staggering amount of money.”
“Israelis are going to be the ones who pay the highest price if there’s war and if Iran gets the bomb,” he continued.
In Israel, opposition to the deal is not a partisan issue, the premier said. “Isaac Herzog, the Leader of the Labor Opposition, the man who ran against me in this year’s election and who works every day in the Knesset to bring down my government, Herzog has said that there is no daylight between us when it comes to the deal with Iran.”
“This isn’t about me. And it’s not about President Obama,” he said, stressing that the issue is not personal. “It’s about the deal.”
“Don’t let the deal’s supporters quash a real debate,” Netanyahu asserted. “The issue here is too important. Don’t let them take your voice away at this critical moment in history. What we do now will affect our lives and the lives of our children and grandchildren – in Israel, in America, everywhere. This is a time to stand up and be counted. Oppose this dangerous deal.”
Earlier this week, Obama held a conference call organized by liberal, non-mainstream American Jewish organizations, offering talking points to defend the deal and urging them to garner support through financial donations and advocacy. There was no opportunity for questions.
Hours after Netanyahu’s address, Obama held a meeting with Jewish leaders at the White House in an attempt to persuade them to adopt the opposite position championed by Netanyahu. By: Max Gelber, United with Israel
http://unitedwithisrael.org/netanyahu-iran-deal-will-cause-war-not-prevent-it
==============
Obama: Nuclear Deal with Iran or Rockets on Tel Aviv! In a meeting to promote the Iran nuclear deal, Obama warned American Jewish leaders that if the agreement is cancelled, there will be war and rockets will rain on Tel Aviv.
continuing in his effort to rally support for the Iran nuclear deal, US President Barack Obama met privately for more than two hours with Jewish leaders at the White House on Tuesday evening, making a detailed case for the accord and urging opponents — including some in the room — to “stick to the facts in making their own arguments,” according to participants.
Obama referred to tens of millions of dollars being spent by critics, most notably the pro-Israel group American Israel Public Affairs Committee (AIPAC). The president’s meeting came just hours after Prime Minister Benjamin Netanyahu participated in a live webcast aimed at Americans Jews, arranged by the Jewish Federations of North America and the Conference of Presidents of Major American Jewish Organizations. The Israeli leader railed against the agreement, calling it a “bad deal” that leaves Tehran on the brink of a bomb.
Greg Rosenbaum of the National Jewish Democratic Council was one of 20 Jewish leaders who attended the meeting. He told Israel Radio that Obama said that American military action against Iran’s nuclear facilities is “not going to result in Iran deciding to have a full-fledged war with the United States.”
Instead, the president reportedly threatened, “You’ll see more support for terrorism. You’ll see Hezbollah rockets falling on Tel Aviv.”
“I can assure you that Israel will bear the brunt of the assymetrical response that Iran will have to a military strike on its nuclear facilities,” Obama stated, adding that he had invited Netanyahu to discuss increased US military assistance but that the Israeli leader declined.
Participants at the White House meeting who oppose the agreement raised raised their concerns at being painted as eager for war. Obama continued to argue that if Congress rejects the agreement, he or the next president will be forced to consider taking military action to prevent Iran from obtaining a nuclear weapon.
Netanyahu Congress
PM Netanyahu speaks before a joint meeting of Congress. (AP/J. Scott Applewhite)
Obama described the deal as “historic,” adding that it would prevent Iran from obtaining nuclear weapons. He also stressed that the US will continue to support and help strengthen Israel’s security.
The back-to-back sales pitches from the leaders came on the eve of a foreign policy address Obama was to deliver as he seeks to bolster support for the deal in Congress. A White House official said Obama would frame lawmakers’ decision to approve or disapprove of the deal as the most consequential foreign policy debate since the decision to go to war in Iraq.
The official said Obama would also argue that those who backed the Iraq war, which is now widely seen as a mistake, are the same ones who oppose the Iran deal.
Enough Votes for Obama’s Deal?
The White House is preparing for the likelihood that lawmakers will vote against the deal next month and is focusing its lobbying efforts on getting enough Democrats to sustain a veto. Only one chamber of Congress is needed to so do.
Obama spokesman Josh Earnest said Monday that the White House is confident it can sustain a veto “at least in the House.” US Congress. The president got a boost in the Senate Tuesday with Senators Barbara Boxer of California, Tim Kaine of Virginia and Bill Nelson of Florida announcing their support for the deal. However, the administration lost the backing of three prominent Jewish Democrats — New York Reps. Steve Israel and Nita Lowey and Florida Rep. Ted Deutch.
Obama, who has long been criticized for his lack of engagement with Congress, has become personally involved in selling the deal to lawmakers and other influential groups. Those who have met with him say it seems to be his top foreign policy priority.
“It was pretty solid evidence of a couple of things: first of all, just how engaged the president is on this issue, and second, how important it is to him,” said Andrew Weinstein, a South Florida community leader who attended the meeting.
Also among the roughly two-dozen leaders joining Obama in the Cabinet Room were Michael Kassen and Lee Rosenberg of AIPAC, which is vehemently opposed to the deal, as well as Jeremy Ben-Ami of the left-wing J Street, who is among the deal’s most vocal proponents. The White House said representatives from the Orthodox Union (OU), the Reform Movement, the World Jewish Congress (WJC) and the Anti-Defamation League (ADL) also attended.
By: AP and United with Israel Staff
====================
support@islameyat.com ] eih, youtube datagate google, CIA [ perché, io non riesco ad attivare il link del mio commento? ] Hello, You have posted a comment using this email address [lorenzo_scarola@fastwebnet.it]. \nPlease click on the following link http://www.islameyat.com/post_details.php?id=6075&cat=24&scat=186&&vcode=80308619b3853ab9dc255104659e1ef6& to activate your comment.\nThanks
 support@islameyat.com ] why your link non works? [ Hello, You have posted a comment using this email address [lorenzo_scarola@fastwebnet.it]. \nPlease click on the following link http://www.islameyat.com/post_details.php?id=6075&cat=24&scat=186&&vcode=2429b277981dff3c89b6ab0662ccfd15& to activate your comment.\nThanks
=================
se, Israele apre alla collaborazione militare, culturale, economica, ecc.. con CINA e Russia, questo, non significa litigare con USA, e questo aiuterà la pace nel mondo, perché bilancerà le forze in campo! FARE degli USA l'ombelico del mondo, questo è qualcosa che non lascerà vivere la speranza! ] in realtà, tutto il genere umano ha un enorme problema con il nazismo pedofilia poligamia, perversioni sessuali, violazioni diritti umani, pena di morte per apostasia, ecc.. ed orrori islamici sharia, che, ONU USA stanno nascondendo! [ TEL AVIV, 6 AGO - Benyamin Netanyahu smetta di "fare a testate" con gli Usa sull'accordo raggiunto con l'Iran. Questo l'ammonimento del traditore presidente israeliano Reuven Rivlin al premier contenuto in alcune interviste date alla stampa ebraica. IL TRADITORE Rivlin ha anche sottolineato che "gli stretti rapporti con Washington sono della massima importanza per la politica estera israeliana".
SI TRATTA DI UN AUTOATTENTATO, un depistaggio dal nazismo sharia, dato che la Galassiah Jihadista è una creazione: saudita turca della CIA ] [ 6 AGO - La neonata branca dell'Isis in Arabia Saudita rivendica l'attentato suicida contro una moschea nel sud del Paese. Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web. Una bomba in una moschea nella città di Abha ha provocato la morte di 17 persone.

Questi satanisti massoni bildenberg minimizzano il nazismo sharia ONU OCI islamico soltanto perché non hanno mai letto dei libri di storia! ] [ Cina e Russia, non vanno dicendo: "morte a USA e morte ad Israele" come IRAN va dicendo, e Cina e Russia, non hanno nessun atteggiamento scorretto in campo internazionale! Quindi, la alleanza tra Israele e CINA e RUSSIA, non potrebbe mai essere quel tradimento, che gli USA hanno già fatto contro di lui! Anzi, se, adesso Israele si allea con l'Iran, sarebbe la azione più logica che lui potrebbe fare, dato che l'IRAN tra 10 anni, certamente, avrà migliaia di missili intercontinentali armati con testate atomiche! Questi minimizzano il nazismo islamico soltanto perché non hanno mai letto dei libri di storia!
in nessun modo, noi possiamo dire, la colpa del nazismo sharia di tutta la LEGA ARABA è la colpa di Israele, infatti, l'ISLAM ha un problema di genocidio medioevale da risolvere! ] non può GENTILONI criticare la MAFIA, se va a fare affari con la LEGA ARABA del nazismo sharia [ 'The Terrorist Tried to Get Out of the Car; I Shot Him' Screen Shot 2015-08-06. Click here to watch: IDF Officer Recounts Car Attack. Lying on his hospital bed, Lt. Daniel Elbaz, a company commander in the IDF's Infantry Training School, recounted on Thursday the car attack on him and his men, which took place at the Senjil Junction, near Shilo, in the Binyamin region, north of Jerusalem. “At 3:00 PM, I am carrying out my missions as part of the operational sector missions, reinforcing the forces in Judea and Samaria,” he told a reporter for the IDF Spokesman's Unit. “At about 3:15, I identify a vehicle coming at me at high speed. Just before reaching me he executes a sharp turn, hitting me and two of my soldiers. I realize that this is a terror attack and identify the terrorist trying to get out of the car. I shoot and neutralize the event.” The two other soldiers were brought into the hospital – one by road and the other by helicopter – and both are in serious condition, under sedation and artificial respiration. They are no longer in life-threatening condition, however, according to the deputy director of the hospital, Dr. Asher Salmon. The terrorist who carried out the attack was brought to Shaare Tzedek Hospital where he was listed in serious condition.
Watch Here. Three soldiers were wounded in a vehicular terror attack Thursday afternoon at Sinjil junction, near Shiloh in Samaria, several kilometers north of Jerusalem. Two of the wounded soldiers are in serious condition, and the third victim was lightly hurt. Dr. Asher Salmon, Deputy Director of Hadassah Ein Kerem Hospital, said that two casualties were brought into the hospital – one by road and the other by helicopter – and that both are in serious condition. Both victims are under sedation and artificial respiration. Magen David Adom doctors and paramedics had administered initial care to all three casualties, with the aid of an IDF medical team. The driver of the car who carried out the attack was reportedly shot at the scene by an IDF force, and injured. He was trapped inside his vehicle. He was brought to Shaare Tzedek Hospital where he was listed in serious condition, in the Intensive Care Unit. According to an initial report from MDA Spokesman Zaki Heller, the injured include a 20-year-old man who is in critical condition with head injuries. Heller said the terrorist was receiving medical aid from an IDF team. All three injured soldiers are combat soldiers from the Infantry Training School, who were on patrol on Highway 60. The force reinforced the IDF forces in the region after the recent arson attack in the village of Duma, in which a baby was killed. Source: Arutz Sheva
=============
Regno Israele metafisica laica della fratellanza universale la Sapienza di Re Salomone: Sapienza - Capitolo 2  [1] LA FOLLIA DEI SAUDITI TURCHI OTTOMANI DEL LORO FALSO PROFETA E DEL LORO DEMONIO DIO ] [ Dicono fra loro sragionando: «La nostra vita è breve e triste; non c'è rimedio, quando l'uomo muore, e non si conosce nessuno che liberi dagli inferi. [2] Siamo nati per caso e dopo saremo come se non fossimo stati. E' un fumo il soffio delle nostre narici, il pensiero è una scintilla nel palpito del nostro cuore. [3] Una volta spentasi questa, il corpo diventerà cenere e lo spirito si dissiperà come aria leggera. [4] Il nostro nome sarà dimenticato con il tempo e nessuno si ricorderà delle nostre opere. La nostra vita passerà come le tracce di una nube, si disperderà come nebbia scacciata dai raggi del sole e disciolta dal calore. [5] La nostra esistenza è il passare di un'ombra e non c'è ritorno alla nostra morte, poiché il sigillo è posto e nessuno torna indietro. [6] Su, godiamoci 4 MOGLI E LE BAMBINE DI NOVE ANNI, GODIAMOCI i beni presenti, CHE NOI ABBIAMO RUBATO AI MARTIRI, SOFFOCHIAMO I POPOLI CON LA NOSTRA BOMBA DEMOGRAFICA, facciamo uso delle creature con ardore giovanile! [7] Inebriamoci di vino squisito e di profumi, non lasciamoci sfuggire il fiore della primavera, [8] coroniamoci di boccioli di rose prima che avvizziscano; [9] nessuno di noi manchi alla nostra intemperanza. Lasciamo dovunque i segni della nostra gioia perché questo ci spetta, questa è la nostra parte. [10] Spadroneggiamo sul giusto povero, non risparmiamo le vedove, nessun riguardo per la canizie ricca d'anni del vecchio. [11] La nostra forza sia regola della giustizia, perché la debolezza risulta inutile. [12] Tendiamo insidie al giusto, perché ci è di imbarazzo ed è contrario alle nostre azioni; ci rimprovera le trasgressioni della legge e ci rinfaccia le mancanze contro l'educazione da noi ricevuta. [13] Proclama di possedere la conoscenza di Dio e si dichiara figlio del Signore. [14] E' diventato per noi una condanna dei nostri sentimenti; ci è insopportabile solo al vederlo, [15] perché la sua vita è diversa da quella degli altri, e del tutto diverse sono le sue strade. [16] Moneta falsa siam da lui considerati, schiva le nostre abitudini come immondezze. Proclama beata la fine dei giusti e si vanta di aver Dio per padre. [17] Vediamo se le sue parole sono vere; proviamo ciò che gli accadrà alla fine. [18] Se il giusto è figlio di Dio, egli l'assisterà, e lo libererà dalle mani dei suoi avversari. [19] Mettiamolo alla prova con insulti e tormenti,
per conoscere la mitezza del suo carattere e saggiare la sua rassegnazione. [20] Condanniamolo a una morte infame, perché secondo le sue parole il soccorso gli verrà».Regno Israele saint arcangel Michael protettore di Israele: QUIS UT DEUS? CHRISTUS VINCIT IMPERAT REGNAT!
Regno Israele
burn satana in jesus's name, dovete BRUCIARE! 
Regno Israele
holy Michael Defeats nos, from Satan shit GENDER
Regno Israele
metafisica laica della fratellanza universale la Sapienza di Re Salomone ] mio fratello Re [ adesso vediamo subito, se i satanisti Bush 322 Obama, 666 Kerry, se, loro hanno ancora il controllo di youtube! oppure, se loro si sentono sufficientemente puniti!
Regno Israele 
google, A.I., Gmos biologia sintetica, aliens abductions talmud agenda satana ] tu non hai molti Unius REI da dover sopportare, per favore, tu mi metti dei computer della CIA a fare scorrere le visualizzazioni anche di questo sito http://jhwhxallahxbrama.blogspot.com/ perché, le visualizzazioni di questo sito sono ferme in modo assoluto, e poi, anche se fai leggere per finta questo sito? poi, però pagami, non finta, ma, pagami concretamente! perché non è possibile stante le visualizzazioni che tu
Scrivo per invitarti a partecipare a questa nostra petizione (http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan), riguardante il caso di due pastori sudanesi, il reverendo Michael Yat e il reverendo Peter Reith, arrestati e detenuti ingiustamente in Sudan, in base ad accusa assurde che potrebbero addirittura comportare la pena di morte. Lo scorso dicembre, padre Michael si è recato presso una chiesa evangelica presbiteriana precedentemente attaccata e distrutta delle autorità. Dopo il sermone, il religioso è stato arrestato immediatamente. Padre Peter ha denunciato pubblicamente l'ingiusto arresto ed è stato a sua volta condotto in carcere nei primi giorni del mese successivo. Il processo, che vede i due predicatori imputati di minaccia al sistema costituzionale del Sudan e di spionaggio, è iniziato lo scorso 15 giugno. Ma la palese assenza di testimoni dimostra come i due siano stati arrestati esclusivamente in base alla loro fede religiosa e alla loro attività di evangelizzazione.
Inizialmente detenuti in un luogo ignoto, i due pastori sono stati da poco rintracciati. Denunciano violenze psicologiche e intimidazioni: solo da poco hanno potuto rivedere i propri famigliari (il reverendo Yat ha due figli piccoli; il reverendo Reith una bambina appena nata). E sempre e solo attraverso una finestra schermata.
Si tratta di vere e proprie persecuzioni religiose, perpetrate nonostante la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (sottoscritta dal Sudan) e la stessa Costituzione sudanese, che garantiscono il diritto alla libertà di culto.
Per questo, ci rivolgiamo all'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani,Zeid Ra'ad Al Hussein, chiedendogli di intervenire. Ti invito, lorenz, a firmare questa nostra iniziativa (cliccando sul link seguente) e, dopo averlo fatto, a condividerla con i tuoi contatti (potrai farlo tramite social media, attraverso la pagina che visualizzerai dopo la firma) o inoltrando direttamente questo mio messaggio via email: Firma qui: http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan Persecuzioni religiose contro i cristiani non sono una novità in Sudan. Ciò che è successo un anno fa con il caso di Meriam (la donna ingiustamente condannata a morte per apostasia) dimostra la terribile situazione dei cristiani che vivono in quel Paese, ma anche la potenza e l'efficacia di un'iniziativa di mobilitazione e pressione internazionale. Nel caso di Meriam, è stato proprio grazie all'interesse e agli appelli da tutto il mondo (tra cui le più di 300.000 firme raccolte da CitizenGO) che si è giunti alla sua liberazione. Ora vogliamo e dobbiamo fare lo stesso per padre Peter e padre Michael. http://acem.citizengo.org/lt.php?c=1953&m=2025&nl=6&s=33a1bda45a6099df993f0b1a39d3fe93&lid=30468&l=-http--www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan Per ogni firma raccolta, il nostro sistema invierà automaticamente una email all'Alto Commissariato ONU per i Diritti Umani e all'indirizzo istituzionale della presidenza del Sudan, chiedendo all'Alto Commissario di adoperarsi perché padre Michael e padre Peter siano rilasciati immediatamente.
Firma qui: http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan
Grazie mille del tuo interesse nei confronti delle nostre campagne di raccolta firme e della tua partecipazione.
A presto, Matteo Cattaneo e tutto il team di CitizenGO
P.S.: Come certamente sai, lo scorso sabato si è svolta a Roma una grande manifestazione, organizzata dal comitato "Difendiamo i nostri figli", a difesa della famiglia naturale e contro l'indottrinamento gender nelle scuole, l'utero in affitto e il "matrimonio gay". L'evento ha avuto enorme successo, con centinaia e centinaia di migliaia di famiglie arrivate da tutta Italia. Anche noi di CitizenGO siamo stati felici di partecipare. Ecco il nostro video della manifestazione: https://www.youtube.com/watch?v=4ZoPR2GnwNg
USA SpA Fmi, NWO il satanismo occulto, e [ il mostro ONU LEGA ARABA sharia: il satanismo evidente ] il terrorismo della galassia Jihadista è una loro creazione! [ S. Sudan pastors accused of spying freed. Published: Aug. 5, 2015 Pastors Yat Michael and Peter Yen in court during their trial in Khartoum, 2015. American Center for Law & Justice
Two South Sudanese pastors on trial in Sudan for, amongst other things, “spying” have been freed by the Judge of Khartoum North Central Court, Ahmed Ghaboush. Had they been found guilty of this, they could have faced the death penalty. Yat Michael had taken his child to Khartoum for medical treatment when he was arrested on 14 December, 2014, after being asked to preach at a local church during his stay. Peter Yen was arrested in January 2015 when he went to enquire about Michael’s whereabouts. The two men were then reported as missing until Sudanese authorities revealed that they were being held in prison for “crimes against the state”. Guilty on some accounts, but freed due to time served
The DPA German news agency reported that the judge found Yat Michael guilty of a “breach of the peace” (Article 69) and Peter Yen (also known as David Reith) guilty of  “managing a criminal or terrorist organisation” (Article 65). But he ordered both be released, as they had already served the sentences for these offences through their eight-month stay in prison.
Experts said there were fears that they would have been convicted of  the more serious charges; it was felt the judge was under pressure to balance local expectations on him to uphold the principles of the Sharia-governed state, with adherence to international human rights standards. The families told Radio Tamazuj, an online independent news service broadcast in Sudan and South Sudan, that they were “delighted”. The last time the men were in court was 23 July, when their legal team submitted their written closing arguments. Observers from a number of foreign embassies were present that day. An official from the Sudanese Ministry of Justice told one of the pastors’ lawyers that the extent of outside interest had led the government to take a very close interest in the case. Thabith Al Zubir, one of the lawyers defending the pastors, asked the judge on 23 July to drop the case because the defence had refuted all the accusations levelled against the two men, and because there was no clear evidence against them. Arrested ‘illegally’. The defence lawyers had also argued that their clients were arrested illegally by the National Intelligence and Security Service (NISS).
They said Pastor Yat Michael did not violate Sudan’s law when he preached in Khartoum Bahri Evangelical Church on 14 December, because he was just carrying out his duty as a pastor. “To urge believers to be zealous for their church is not an insult against God,” one lawyer said, referring to NISS arresting Yat Michael after his sermon in the church in the Bahri area, just north of the Sudanese capital.
“Justice requires that you don’t judge simply because you [suspect], without any concrete evidence,” the lawyer said.
In addition, the lawyers raised concern over the fact that Yat Michael and Peter Yen were being tried illegally for insulting religion.
They also said that the pastors were illegally detained for a long period of time without trial: “This is illegal and against the bill of rights in Sudan’s constitution.”
Lawyer Al Zubir had called on the court to respect Sudan’s constitution above the powers of the National Intelligence and Security Service to arrest and detain any person for a long period of time without trial.
The lawyers concluded that the court should accept their defence, and drop the charges for lack of evidence: “These charges are built on sand,” they concluded.
“The charges included: complicity in committing crimes with other bodies (Article 21), spying for outsiders (Article 53), and collecting and leaking information to the detriment of Sudanese national security (Article 55).
The charge of undermining the constitutional system (Article 50) has been “dropped”, reported Radio Tamazuj after the 23 July hearing. Other charges included promoting hatred amongst sects (Article 64); breach of public peace (Article 69); and offences relating to insulting religious beliefs (Article 125). Article 53 carries the death penalty or life imprisonment.
Defence witnesses testify evidence against the men could have been ‘planted’
At a previous hearing on 14 July, the pastors had stated that some of the “incriminating” documents allegedly found on their computers were not theirs. These included internal church reports, maps showing the population and topography of Khartoum, Christian literature, and a study guide on Sudan’s National Intelligence and Security Service (NISS).
The pastors acknowledged having the internal church report, though both said they had never seen the study guide on NISS until it was presented in court. They said they had no knowledge of how it got on the computer.
The defence team called two witnesses. One, ex-army general and 2010 presidential candidate Abdul Aziz Khalid, testified that the maps presented by the prosecution were available to civilians and not classified; therefore the espionage charge against the pastors was without basis. The other witness was an IT expert, who testified how easy it would have been for others to plant documents on the men’s computers without their knowledge.
The pastors had again been denied access to their legal team ahead of the 14 July hearing, despite an earlier direction that they be allowed 15 minutes with their lawyers.
(At the previous hearing on 2 July, the judge had permitted the defence team only 15 minutes with the pastors in order to prepare their case). The pastors have also had little access to their families, who were only permitted to visit them in the high-security Kober Prison after they had been held for six months. Defence lawyer himself arrested day before he was due in court, with church pastor. On 1 July, Mohaned Mustafa – one of the lawyers representing Michael and Yen, together with the Evangelical Bahri Church pastor Hafez – was briefly detained when challenging a government employee who was overseeing the destruction of parts of the Bahri evangelical church complex.
The employee was attempting to destroy a part of the complex that was not within the government order for destruction. It is still not known when the case against the two lawyers will be brought to court.
This is not the first time the Sudanese government has attempted to clamp down on the Evangelical Church of Khartoum.
On December 2, 2014, the church was raided by handfuls of police officers, who arrived in six patrol cars. They beat a number of peaceful sit-in demonstrators with pipes and water sticks and arrested 38 eight members of the church.
After the raid, 20 of the people arrested were sentenced to a fine of 250 Sudanese pounds (roughly $40) after being convicted without legal representation under Articles 65 (criminal and terrorist organisations) and 69 (disturbance of public peace) of the 1991 Sudanese Penal Code. The charges were dropped against the remaining 18 individuals.
The sit-in demonstrations were prompted by a corruption scandal, including the sale of church land to investors.
In 2010, the Evangelical Church of Khartoum in Bahri elected a Community Council to control the administration, assets, and investments of the church. The Community Council was plagued by accusations of corruption. The church attempted to resolve the conflict with the church's General Assembly electing a new Community Council. But the previous Council refused to recognise the new Council and hand over institutional documents.
The government of Sudan intervened on 28 April, 2014 and re-appointed several members of the old Community Council. Despite not having an official mandate to sell church properties or engage in investment on behalf of the church, these members sold a substantial amount of property.
Yat Michael was arrested after preaching at this church two weeks after the police raid and partial demolition of the church.
During his sermon, he condemned the controversial sale of the church land and property, and the treatment of Christians in Sudan. The arrest, incarceration and extended trial of Michael and Yen illustrates the pressure Christians face in the Muslim-dominated region.
===========
 Ciao, Ho appena firmato la petizione, "Tetti stipendiali per il personale delle Camere".
Credo che questo sia importante. La firmerai anche tu? Ecco il link:
http://www.change.org/p/tetti-stipendiali-per-il-personale-delle-camere
==================
seham@elmasna3.com He claim ownership of these two videos, https://www.youtube.com/watch?v=p2M8veGVdLI
https://www.youtube.com/watch?v=vreeKYOlF5o but no one told me why http://www.islameyat.com/
He has impressed on them the property of one of these two videos! who is really the property?
Why seham@elmasna3.com wants to do harm to my channels and want to spit on the blood of the Christian martyrs, innocent in the entire Arab League, and with terrorism around the world?
because sharia is Nazism that will smother all peoples of the world?
=============
seham@elmasna3.com  lui rivendica la proprietà di questi due video,
https://www.youtube.com/watch?v=p2M8veGVdLI
https://www.youtube.com/watch?v=vreeKYOlF5o
ma nessuno mi ha detto perché
http://www.islameyat.com/
lui ha sovraimpresso la proprietà di uno di questi due video!
di chi è realmente la proprietà?
perché seham@elmasna3.com  vuole fare del male ai miei canali e vuole sputare sul sangue dei martiri cristiani innocenti, in tutta la LEGA ARABA, e con il terrorismo in tutto il mondo?
perché la sharia è il nazismo che soffocherà tutti i popoli del mondo?
==============
----Messaggio originale----
Da: lorenzo_scarola@fastwebnet.it
Data: 06/08/2015 12.49
A: <seham@elmasna3.com>
Cc: <sbscc@sbs.com.au>
Ogg: remove your penalty from my channel
se, la vostra sharia non uccidesse così tante persone innocenti? io non sarei così arrabbiato! ] ma, voi potete dimostrare di non essere i complici degli assassini islamici LEGA ARABA i nazisti che fanno il genocidio sotto protezione NATO ONU, e voi potete rimuovere la penalità dei miei canali.. io difendo i martiri cristiani innocenti e voi fate del male a me? questo è il mio canale https://www.youtube.com/user/DominusREIUnius/discussion
 [ Video Pop Shenouda said that s enough Amr Adib ]  ID video8jmIi0-t1iI [ Durata5:28 ] Descrizionee lui il vostro Satana SHARIA Allah Jabullon Marduck, lui ne ha fatto la esperienza tante volte, io quando prendo la mia preda, io la dilanio fino a ridurla in 1000 brandelli! [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF ... OBAMA MERKEL ANTICHRIST KING SAUDI SHARIAH ARABIA ]] tu lo sai testa di cazzo, che, io mi inginocchierò mai davanti ad una pietra meteorite lunare... ECCO PERCHé, TU NON PUOI FARE NULLA PER SFUGGIRE AL TUO DESTINO!  ] [  Autore del reclamoMedia Gates Co. W.L.L    Email dell'autore del reclamo: seham@elmasna3.com ] Opera presumibilmente violata Video non da YouTube: "Pop Shenouda said that s enough Amr Adib" Video rimosso, Al momento hai 1 avvertimento sul copyright. A che cosa è dovuta questa situazione? Un titolare di copyright ci ha chiesto di rimuovere il tuo video perché ritiene che contenga materiale audio o video che vìola il suo copyright.  Titolo: Pop Shenouda said that s enough Amr Adib ] Identificazione video: 8jmIi0-t1iI [  Titolo: Amr Adib Coptic priest Fr Markous Aziz 4 ] Identificazione video: R8oR3uAELCA [ Cos'è un avvertimento sul copyright?  ] Pop Shenouda said that s enough Amr Adib [ ID video: 8jmIi0-t1iI ] Rivendicato da Media Gates Co. W.L.L il 30 lug 2015 ] Invia contronotifica [ Amr Adib Coptic priest Fr Markous Aziz 4 ] [ ID video: R8oR3uAELCA Rivendicato da Media Gates Co. W.L.L il 30 lug 2015   [ Durata6:11  ] Descrizione: lui il vostro Satana SHARIAH Allah Jabullon Marduk, lui ne ha fatto la esperienza tante volte, io quando prendo la mia preda, io la dilanio fino a ridurla in 1000 brandelli! [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF ... OBAMA MERKEL ANTICHRIST KING SAUDI SHARIAH ARABIA ]] tu lo sai testa di cazzo, che, io mi inginocchierò mai davanti ad una pietra meteorite lunare... ECCO PERCHé, TU NON PUOI FARE NULLA PER SFUGGIRE AL TUO DESTINO! Autore del reclamo Media Gates Co. W.L.L ] [ Email dell'autore del reclamo seham@elmasna3.com Opera presumibilmente violata Video non da YouTube: "Amr Adib Coptic priest Fr Markous Aziz 4" [ Video ] [  ID video6SbvrI5S9JQ ] Autore del reclamo SBS Australia. Email dell'autore del reclamo sbscc@sbs.com.au     Opera presumibilmente violata Puntata TV "The Youngest Bride"



 contro-informazione- al sistema massonico Bildenberg, padrone abusivo di ogni monopolio ] Pushkov decisione Verkhovna Rada di destituzione Yanukovich è illegale
Naryshkin: il cambio di potere in Ucraina non può essere stato costituzionale.
Gli USA "minacciano" l'Ucraina
UE ed USA stanno per assemblare una nuova Ucraina
USA ed UE in piazza a Kiev, ma il futuro è nelle mani degli ucraini
[il sistema massonico Bildenberg delle false democrazie massoniche del Signoraggio Bancario, rubato dal Spa Fmi, hanno deciso di dichiarare guerra alla Russia! ]

Benjamin Netanyahu and King Saudi Arabia .. Dio mi parla spesso della costruzione del suo Tempio a Gerusalemme, ed io che questo allontanerebbe, la imminente, terza guerra mondiale nucleare. di 100 anni.. ma, io non so come, questo, sia possibile, perché, dal momento che, i miei successi, sono stati limitati, in questi sei anni di lavoro!
Nuovo premier Crimea sostiene Ianukovich. E' lui il presidente "legittimo" dell'Ucraina
27 febbraio, 22:50. Premier Crimea sostiene Ianukovich #KIEV, Il nuovo premier della repubblica autonoma di Crimea, Serghiei Aksionov, eletto oggi dal parlamento della penisola, come capo del governo locale, ha affermato in serata, che, considera il deposto presidente Viktor Ianukovich, il "legittimo" capo di Stato ucraino. Lo fa sapere l'agenzia Unian.

Dopo occupazione aeroporti Bilbek e Sinferopoli, da parte di separatisti. 28 febbraio, 09:01.. Ministro Interno Kiev, 'invasione' da Russia ( se, questa osservazione è falsa quel ministro deve essere fucilato. Perché diventa la dimostrazione. di come, tutto quello che è successo in Ucraina, è il frutto di un complotto USA UE.) KIEV, Il ministro dell'Interno ucraino, Arsen Avakov, accusa Mosca di "invasione armata" dopo l'occupazione degli aeroporti di Belbek e Sinferopoli in Crimea. "Considero l'azione come un'invasione armata e un'occupazione", ha postato sulla sua pagina Facebook il ministro. Lo scalo di Sinferopoli, scrive, "e' bloccato da reparti militari della flotta russa: all'interno militari e guardie di frontiera ucraini, fuori militari in mimetica con armi,senza distintivi, che non celano la propria appartenenza".

Andrey Fediašin. 27 febbraio 2014, 20:21
Kiev: "Maidan" al governo © Foto: «La Voce della Russia»
L'Europa, l'ONU e gli USA stanno imparando a comunicare con il nuovo governo dell'Ucraina creato, il 26 febbraio, che, ha gia' ricevuto l'approvazione della piazza. Il nome del premier si sapeva in anticipo. E' Arsenij Jacenjuk, capogruppo del partito "Patria" alla Rada Suprema, e uno dei leader del'opposizione. Gli altri in realta', non interessano, perche' gli sponsor della "rivoluzione" ucraina capiscono bene, che, in Ucraina, paese praticamente fallito, trattare con qualcun'altro non ha senso, e anzi e' pericoloso. Alla vigilia della votazione Arsenij Jacenjuk ha riconosciuto ,che tutti coloro che hanno accettato l'incarico ministeriale sono dei kamikaze. In sostanza e' vero, perche', per salvare l'economia queste persone dovranno intraprendere delle misure che sicuramente non saranno gradite dagli ucraini. Sul sito uffciale del Servzio di sicurezza dell'Ucraina il nuovo capo del servizio, Valentin Nalivajko, ha informato di aver avuto un incontro con l'nviato speciale dell'ONU in Ucraina Robert Serry. Quest'ultimo avrebbe promesso di organizzare il monitoraggio della situazione in Crimea e di adottare delle "misure". L'incontro in questione c'e' stato, ma non c'e' stato nulla del resto. "Il Servzio di sicurezza (ucraino) ha ricevuto precise istruzioni: togliere dal sito l'informazione pubblicata", - ha dichiarato il 27 febbraio il portavoce del Segretario generale dell'ONU, Martin Nesirky. L'analfabetismo giuridico dei nuovi funzionari e la leggerenza con cui sui siti ufficiali della "nuova" Ucraina vengono pubblicate dichiarazioni fasulle, sono sorprendenti. E' difficile dire come l'Europa potra' collaborare con questo governo "provvisorio", ha osservato Leonid Gusev, ricercatore dell'Universita' delle relazioni internazionali (MGIMO) presso il ministero degli Esteri della Russia. Evidentemente, non si fara' nulla prima delle elezioni presidenziali del 25 maggio.
Il ministro degli Esteri della Polonia, Radosolaw Sikorski, ha dichiarato che l'Ucraina deve quanto prima eleggere il presidente per avere un potere legittimo. Soltanto dopo cio' l'Europa potra' firmare l'accordo di associazione o l'accordo sulla zona di libero scambio.
Il 26 febbraio l'Unione Europea ha nominato il suo inviato speciale per l'Ucraina. E' il finlandese Olli Rehn, l'attuale commissario europeo per gli Affari economici e monetari, che dovra' coordinare i rapporti col Fondo Monteraio Internazionale e con paesi extra UE sui problemi degli aiuti finanziari a Kiev. Per l'Europa e' il problema piu' doloroso.
C'e' da dire che gli USA, l'Unione Europea e altri potenziali donatori sono perfettamente in grado di trovare la somma che serve a Kiev, me sarebbe difficile spiegare ai cittadini dei propri paesi perche' devono salvare l'Ucraina che non e' neanche membro dell'UE.
Ormai sia in Europa che in America si dice apertamente che senza la
Russia e' impossibile risolvere il problema ucraino. Molti esperti russi confermano che purtroppo e' vero. Il problema e' solo vedere in che misura si vorra' tener conto degli interessi di Mosca. Storicamente, geograficamente e anche politicamente la Russia, piu' di qualunque altro paese, ha il diritto di partecipare alla sorte dell'Ucraina.
Purtroppo, prima o poi, insieme all'UE, il problema degli aiuti all'Ucraina lo dovremo comunque affrontare, dice Viktor Kuvaldin, titolare della cattedra di teoria economica presso la Scuola di economia dell'Universita' di Mosca. Il colasso di un paese cosi' grande, situato nel centro dell'Europa, ha rilevato l'esperto, potrebbe diventare un "buco nero" per l'economia e la stabilita' di tutto il continente. Seriamente parlando, l'Ucraina dovrebbe convocare un'assemblea costituente con la partecipzione di tutti i partiti politici e di tutte le regioni, e non degli attivisti del "maidan", ha detto Viktor Kuvaldin. Deve essere questa assemblea a determinare le basi costituzionali dello Stato e della legittimita' del potere.


27 febbraio 2014, 12:11 [ aggiornamento sul campo minuto per minuto ]
Ucraina, le ultime da Crimea.
21:22
"A favore del referendum hanno votato 61 deputati ed erano presenti nella sala riunioni 64 deputati." Ha detto il servizio stampa del Consiglio Supremo della Crimea.
21:22
Il Consiglio Supremo, cioè il Parlamento regionale della Crimea, ha votato per stabilire per il 25 maggio la data in cui si dovrà tenere il referendum sull'ampliamento dei poteri dell'autonomia con il quesito referendario: "favorevole allo stato di autodeterminazione della Crimea dall'Ucraina sulla base di trattati e accordi internazionali?"
21:21
Il Referendum sull' estensione dell'autonomia della Crimea si terrà il 25 maggio
17:24
Hanno votato a favore dell'elezione 371 deputati, il quorum minimo richiesto è di 226 voti.
17:24
La Verkhovna Rada, il Parlamento dell'Ucraina, giovedì ha eletto il leader del partito "Patria" Yatsenyuk come nuovo primo ministro.
17:23
Yatseniuk è il nuovo primo ministro dell'Ucraina
17:13
I dimostranti riuniti cantano: "Russia", "Noi per la Crimea". La maggior parte dei manifestanti sono maschi sia giovani che di mezza età. Molti di loro sui vestiti hanno applicati i nastrini di San Giorgio che vengono utilizzati come un marchio di identificazione nazionale.
17:12
Le persone continuano ad affluire davanti all'edificio del Parlamento di Crimea, chiedendo al Consiglio Supremo di tenere una riunione sulla piazza antistante al Palazzo del Parlamento dove sono presenti un numero di persone non inferiore a 1.500.
17:12
Davanti al Parlamento della Crimea ci sono ormai più di 1.500 persone
16:37
Intorno alle 4:00 del mattino del 27 febbraio Il Palazzo del Parlamento e il Governo della Crimea sono stati occupati da uomini armati. I negoziati con gli occupanti hanno finora fallito.
16:37
L'Ufficio di presidenza ha chiesto ai deputati del Parlamento di Crimea di "sacrificare le ambizioni personali per il bene pubblic e di prendere decisioni atte ad evitare conseguenze fatali a tutti gli abitanti della penisola."
16:36
Il Parlamento della Repubblica Autonoma di Crimea (ARC) ha annunciato un referendum sulla possibile futura autonomia che possa riguardare tutta la Regione. Il Parlamento della ARC considererà attuato il ritorno alla Costituzione del 1992.
16:36
Parlamento di Crimea presenterà referendum sull'autonomia della regione
16:32
L'arredamento del Parlamento di Crimea scatena forti emozini. Si avvicina ora una moltitudine di persone. I manifestanti si riuniscono e in coro producono applausi e ovazioni.
16:18
Yatsenyuk ha esortato gli Stati Uniti , il Regno Unito e la Russia di garantire l'integrità territoriale dell'Ucraina.
14:02
La procura ucraina ha avvitato un'inchiesta per violazione dell'articolo di legge che riguarda atti di terrorismo in relazione con l'occupazione degli edifici del Consiglio dei ministri di Crimea e del Consiglio supremo.
14:02
Il Premier di Crimea Anatolij Moghilev ha tentato di avviare le trattative con le persone che hanno occupato gli edifici del Consiglio dei ministri di Crimea e del Consiglio supremo dell'autonomia. Tuttavia il tentativo è fallito.
14:02
Secondo le sue parole, i manifestanti sono armati con arme automatiche e mitragliatrici.
14:01
Le truppe interne e la polizia sono messe in stato di allerta in relazione all'occupazione dell'edificio del Parlamento e del governo di Crimea, ha scritto giovedì sulla sua pagina di Facebook il facente funzione del ministro degli Interni dell'Ucraina Arsen Avakov.
14:01
Crimea, militari e polizia in stato d'allerta.
13:42
"Mi appello alla leadership della Flotta del Mar Nero della Russia. Tutte le forze armate devono essere nei territori definiti dagli accordi. Qualsiasi movimento dei militari oltre i confini di questo territorio sarà considerato come un'aggressione militare " ha detto dalla tribuna parlamentare giovedì
13:36
Il Presidente dell'Ucraina Oleksandr Turchynov sollecita la Flotta del Mar Nero della Russia che si trova in Crimea a non lasciare le zone di confine definite dai rispettivi accordi.
13:35
Ogni azione dei militari russi in Ucraina verrà considerata un'aggressione.
12:25
Dagli edifici sono poi state installate bandiere russe. L' intera penisola ha spontaneamente costituito gruppi di vigilantes legati a Simferopoli.
12:25
Giovedì mattina il Palazzo del Parlamento e del Consiglio dei ministri di Crimea sono stati occupati da uomini armati.
12:25
Contemporaneamente hanno gridato: andatevene oppure spariamo! All'interno del Parlamento è posizionato almeno un cecchino" ha detto il giornalista della televisione ucraina.
12:25
"Un gruppo di giornalisti ha cercato di entrare nel Parlamento. Gli occupanti hanno fatto esplodere una granata.
12:25
Il Parlamento di Crimea, occupato da uomini armati, ha fatto esplodere una granata, il rumore ha valicato le mura dell'edificio quando giornalisti ucraini, russi, turchi e provenienti da altre Nazioni hanno cercato di entrare nella stanza.
12:24
Gli occupanti il Parlamento di Crimea gettano granate
12:24
Vicino al Consiglio dei ministri di Crimea vi è anche un gran numero di agenti delle forze dell'ordine. La polizia permette alla gente di avvicinarsi agli edifici occupati. Da entrambi gli edifici svettano bandiere russe
12:24
Prima di entrare nel palazzo del parlamento hanno eretto una barricata di oggetti di uso quotidiano (pallet di legno, bidoni della spazzatura, ecc.). Il Parlamento è ora transennato dalla polizia.
12:23
Secondo il centro stampa ufficiale del Parlamento di Crimea degli sconosciuti hanno fatto irruzione nell'edificio, rimosso la guardia e poi sono penetrati all'interno.
12:23
Giovedi mattina in Crimea uomini armati sono entrati nel palazzo del Parlamento e del Governo locale e l'hanno occupato.
12:23
Occupati da sconosciuti il Parlamento e la sede del Governo di Crimea
12:23
Circa un centinaio di persone sono ancora davanti al Consiglio Supremo di Crimea. Essi vogliono essere come un plebiscito vivente sul futuro destino della penisola di Crimea. Si sono accesi falò e si sono costruite barricate.
12:22
Come risultato del confronto vi è stata una escalation di violenza mista a caos, in cui sono rimaste inizialmente ferite 30 persone.
12:22
Davanti al palazzo del Consiglio Supremo si erano riunite circa 20.000 persone. I manifestanti di lingua russa si sono opposti al cambio di potere nel paese, i rappresentanti dei tartari della Crimea hanno invece supportato il Maidan.
12:22
Tre persone sono morte a causa degli scontri nella manifestazione svoltasi a Simferopoli e in cui erano impegnate le principali etnie della Crimea.
12:22
Negli scontri delle dimostrazioni fra etnie a Simferopoli tre vittime

13:26
Pushkov: la decisione della Verkhovna Rada di destituzione di Yanukovich è illegale
Pushkov: la decisione della Verkhovna Rada di destituzione di Yanukovich è illegale
La legittimità della decisione della Verkhovna Rada di destituire Viktor Yanukovich dalla carica presidenziale è molto dubbia, ha dichiarato il capo del comitato per gli Affari Esteri del parlamento russo Aleksej Pushkov.
Ha evidenziato che i leader dell'opposizione, firmando l'accordo con Yanukovich del 21 febbraio con le garanzie dei rappresentanti dell'Unione Europea, hanno acconsentito a farlo rimanere nel ruolo di Presidente dell'Ucraina fino alle prossime elezioni.
"Inoltre la Verkhovna Rada proprio il giorno dopo ha dichiarato che Yanukovich non espleta le proprie funzioni", ha detto Pushkov.
Secondo Pushkov, il Parlamento ucraino sotto la pressione dei partiti dell'opposizione "ha iniziato a realizzare un processo rivoluzionario accelerato".
La popolazione russofona dell'Ucraina ha tutti le basi per temere che rimangano emarginati e paria nella cosiddetta "nuova" democrazia ucraina, ritiene il deputato.

27 febbraio 2014, 23:55. Naryshkin: il cambio di potere in Ucraina non può è stato costituzionale. Il cambio di governo in ogni Paese dovrebbe essere in conformità con la legge, quello che è successo in Ucraina non può essere considerato coerente con la Costituzione, ha detto ai giornalisti il Presidente della Duma Sergei Naryshkin giovedì durante la sua visita in Turchia . "Io, come Presidente del corpo legislativo e rappresentante supremo del Paese, credo che ogni cambiamento di governo dovrebbe essere in conformità con la legge e nel quadro della Costituzione, in qualsiasi Paese, e non sotto l'influenza di argomenti come mazze da baseball, barre di metallo, pietre del selciato stradale e delle molotov" ha sottolineato.

5 dicembre 2013, 20:13. Gli USA "minacciano" l'Ucraina
Durante una riunione del consiglio dei ministri degli Esteri dell'OSCE a Kiev, l'assistente del segretario di Stato USA Victoria Nuland ha "minacciato" le autorità ucraine. Secondo la Nuland, il mondo intero sta guardando con attenzione ciò che sta accadendo in Ucraina.
Durante una riunione del consiglio dei ministri degli Esteri dell'OSCE a Kiev, l'assistente del segretario di Stato USA Victoria Nuland ha "minacciato" le autorità ucraine. Secondo la Nuland, il mondo intero sta guardando con attenzione ciò che sta accadendo in Ucraina. La Nuland ha affermato che le autorità del Paese devono fare una scelta: o "soddisfare le aspettative della gente" o "deluderle e rischiare di far sprofondare il Paese nel caos e nella violenza".


24 febbraio, 19:24
UE ed USA stanno per assemblare una nuova Ucraina
Oggi a Kiev si reca urgentemente Catherine Ashton, capo della diplomazia dell'UE, per "discutere le questioni della stabilizzazione politiza e gli aiuti economici". La politica economica e finanziaria dell'UE non è stata mai di competenza della Ashton.
A giudicare dalle dichiarazioni provenienti da Bruxelles, Washington e Londra si tratta di fissare al più presto i risultati politici del colpo di Stato e di esportare la "rivoluzione sul Danubio" verso l'est e verso la Crimea. Nel contempo vengono messe in campo nuove tesi antirusse e si grida dei "terribili" piani della Russia nei confronti del paese vicino.
In sostanza, la Ashton viene inviata a Kiev per controllare che il processo di "assemblaggio" della nuova Ucraina non vada in tutt'altra direzione. Tale pericolo esiste. Questo "assemblaggio" viene realizzato con tale urgenza che solo pochi si preoccupano ormai della legittimità, della conformità alla costituzione o semplicemente dell'obiettività. Viene ignorata l'opinione della maggioranza della popolazione delle regioni orientali. Per il momento la determinatezza in Ucraina esiste su un solo punto, e cioè che al timone della "nuova Ucraina" si metterà l'ex premier Yulia Timoshenko.
È difficile dire come si svilupperà la situazione e se la Timoshenko riuscirà o meno ad imbrigliare i radicali senza litigare con i compagni di lotta, dice il politologo russo Pavel Sviatenkov:
Adesso è ovvio che la Timoshenko appoggerà tutte le rivendicazioni di Maidan per rimanere sulla cresta dell'onda rivoluzionaria. Ed ancora. Tutto dipenderà dal fatto se l'Ucraina firmerà o meno l'accordo di associazione con l'UE e se riceverà o meno il credito dell'FMI che le viene promesso adesso. Se firmerà l'accordo e riceverà il credito, allora le possibilità di manovrà di Timoshenko tra Russia ed Occidente saranno limitate, in quanto l'economia ucraina si trova sull'orlo del collasso. Il governo ucraino dipenderà, indubbiamente, da coloro che gli pagano il denaro .
Nelle dichiarazioni di Washington, Londra e Bruxelles risuona adesso un nuovo ritornello: "non ammettere l'intervento militare della Russia" e il fallimento dell'"aiuto economico" dell'Occidente a causa delle azioni di Mosca. Non esistono piani né del primo, né del secondo, ma Susan Rice, assistente del presidente USA per la sicurezza nazionale, ha già dichiarato che "questa invasione sarebbe un serio errore". Il ministro degli esteri britannico William Hague ha detto che ciò peggiorerebbe la situazione in Ucraina. Anche se ha fatto poi una riserva: "non sappiamo, ovviamente, come sarà la reazione della Russia". Alcuni politici a Londra e Washington ritengono persino che Mosca potrebbe essere coinvolta nel "progetto ucraino". È difficile dire cosa prevale in tali dichiarazioni: la malizia e la mancata comprensione di quanto sta accadendo?
Nessuno è in grado di spiegare come si potrebbe farlo dopo che la Rada Suprema con uno dei suoi primi decreti ha introdotto di fatto il divieto della lingua russa nel paese. Nell'ultimo finesettimana la Rada ha riconosciuto non valida la legge sulle "lingue regionali" del luglio 2012. D'ora in poi si può parlalre a livello ufficiale solo in lingua ucraina. Non sono seguite proteste da parte dell'UE. Del resto, le proteste non sono seguite neanche dopo che Oleg Tjagnibok, leader del partito "Svododa" (Libertà), ha dichiarato per l'ennesima volta che in Ucraina è necessario liberarsi dal potere dei russi e degli ebrei.
Secondo i dati forniti dall'Istituto internazionale di sociologia di Kiev, la lingua russa è usata a casa (cioè è la predominante lingua di comunicazione) dal 43 al 47% della popolazione dell'Ucraina. Si ritengono monolingua – dal 74 al 96% dei russofoni – la Crimea, le regioni di Dnepropetrovsk, Donećk, Zaporožje, Lugansk, Nikolaev, Odessa e Harkov. Abolire in Ucraina il russo come lingua regionale di comunicazione è all'incirca lo stesso che vietare di parlare in francese nel Belgio, dove il francese è la lingua nativa di attorno al 40% dei belgi. Sarebbe interessante vedere cosa sarebbe successo all'ex premier belga Herman Van Rompuy, che è adesso il presidente dell'UE, se avrebbe avuto il coraggio di farlo.
Se la divisione dell'Ucraina avrà luogo, ciò non sarà il risultato delle azioni della Russia, ma succederà esclusivamente per colpa degli ultraradicali e dell'opposizione, sostiene Bogdan Bezpalko, vicedirettore del Centro di studi sull'Ucraina e sulla Bielorussia presso l'Università di Stato "Lomonosov" di Mosca:
Ciò sarà possibile solo nel caso in cui i nuovi dirigenti condurranno una politica anti-Russia e antirussa abbastanza radicale e la relativa politica antireligiosa. Se ammetteranno l'umiliazione dei simboli mentali che esistono in queste regioni .
Per riformattare con successo l'Ucraina l'UE dovrebbe ridurre al più presto alla ragione l'ala radicale dell'opposizione e separare dall'opposizione l'ultranazionalismo. Tal è l'opinione di molti analisti in Europa. Questo è, in sostanza, il compito principale della Ashton.
"Indipendentemente dal fatto su che cosa contiamo in definitiva – ha scritto oggi il londinese Guardian , – sarebbe una follia condurre gli affari in Ucraina in modo come se questo paese fosse un'"entrata di servizio" verso i cambiamenti nella stessa Russia. Sarebbe bene lasciare tali pensieri al giudizio della storia. E sarebbe utile capire che tale reazione dolorosa della Russia alla rivoluzione è in parte motivata. In Ucraina è stato destituito il leader eletto in modo legittimo e conformemente alla costituzione. Dalla "parte della rivoluzione" ci sono tantissime persone con vedute politiche abominevoli. Ed infine, il fatto più fondamentale è che la Russia e l'Ucriana, quale che sia il regime in ciascuno di questi paesi in un dato periodo di tempo, sono, in sostanza, gemelli con rapporti reciproci lunghi molti secoli".
Nel mondo, Ucraina, USA, UE, Governo, Politica

PaoloPaolo, 25 febbraio, 03:08
Egr. Signori, consiglio vivamente al presidente Putin di mettere da parte gli indugi e accettare la "richiesta di aiuto" dei russi ucraini . La Secessione di tutta l'Ucraina orientale e della Crimea con annessa tutta la costa (per evitare basi americane future) mi pare ormai inevitabile. I cosiddetti ucraini occidentali, che non sono altro che un'accozzaia multietnica di ucraini, polacchi, moldavi, magiari, biellorussi, bulgari ecc. , prima o poi, strangolati dai prestiti della UE e del FMI, inizzieranno a scannarsi fra loro. Vi consiglio anche di aiutarli aumentandogli la "bolletta" del gas a prezzo di mercato. Gli USA in una regione altamente instabile inoltre non potrebbero disporre il loro scudo missilistico ( anche se ritengo che abbia un'alta percentuale di inefficacia). Il mondo ha bisogno di una potenza che freni le pretese americane, e quindi necessario muoversi prima che sia tardi, Macchiavelli docet. Putin potrebbe essere il moderno Pietro il Grande.
MatteoMatteo, 25 febbraio, 13:53
Signori vivo a Kiev dal 2003 e vi posso assicurare che quello che è stato fatto in queste ultime settimane da Usa e in parte Europa è abominevole. Una propaganda così non si era mai vista per non parlare della trasformazione di assassini in eroi.. Ma poi è buffo come quando gli fa comodo parlano di autodeterminazioni dei popoli mentre quando non gli fa comodo parlano di unità nazionale come valore assoluto.. La Timoshenko?? che Dio ce ne scampi.. come abitante di Kiev spero tanto che Putin non solo liberi Krimea e Donbass ma arrivi fin da noi e che si possa diventare uno stato Ucraino parte della Federazione Russa con Mosca capitale e Putin presidente (e ovviamente benzina e gas a prezzi russi). Gli Zapadenki??? se ne stiano con la loro lingua ucraina a raccoglier funghi nei boschi.. Matteo

Mario Sommossa Redazione Online
16 dicembre 2013, 15:49
USA ed UE in piazza a Kiev, ma il futuro è nelle mani degli ucraini
Stando al normale comportamento diplomatico internazionale suona ben strano, se non peggio, il comportamento tenuto a Kiev dal ministro degli esteri tedesco Westerwelle e dalla signora Ashton, ministro degli esteri europeo. Entrambi presenti per un incontro internazionale, invece di incontrare gli ufficiali rappresentanti del governo ucraino, si sono mischiati ai manifestanti anti-governativi e li hanno, addirittura, incoraggiati a continuare nelle loro proteste contro il Governo democraticamente e legittimamente eletto.

Anche due senatori americani, John McKain e Chris Murphy hanno aizzato la folla invitandola a continuare nel chiedere l'associazione all'Unione Europea: ".. l'Ucraina farà una Europa migliore e l'Europa renderà migliore l'Ucraina..". Cosa c'entrassero dei parlamentari americani con l'associazione di un Paese europeo all'Unione resterebbe oscuro solo se volessimo dimenticare che qualche americano continua a pensare che la guerra fredda non sia mai finita e la Russia sia ancora il grande nemico da distruggere con ogni mezzo. E' infatti evidente che, da parte di molti politici Usa ed anche di alcuni Stati europei, lo scopo dell'eventuale associazione dell'Ucraina alla UE non riguarda affatto i possibili pro e contro per le popolazioni coinvolte, bensi' un ulteriore passo di accerchiamento della Russia ed il tentativo di arrestarne il cammino di stabilizzazione.

In questo quadro, purtroppo, anche i giornalisti italiani che ne scrivono contribuiscono alla disinformazione su cio' che stia veramente accadendo. Innanzitutto non dicono che chi riempie le piazze costituisce solo una parte, e non maggioritaria, del popolo. La maggioranza del Paese, infatti, sta da tutt'altra parte e sostiene le decisioni del governo. Inoltre, in molti di coloro che manifestano c'e' piu' il desiderio di protestare contro la crisi economica in se, che di chiedere un qualunque trattato con Bruxelles. Anche chi, invece, chiede a gran voce l'accordo con l'Unione si illude che le difficoltà economiche e della vita quotidiana che da anni lo stanno strangolando, associandosi all'Europa, possano sparire da un giorno all'altro per un miracolo.
Purtroppo così non è e, a dirla tutta, noi europei non abbiamo né la voglia né le possibilità economiche, oggi, di farci carico dei problemi ucraini sborsando fantomatici capitali che non abbiamo saputo/voluto dare nemmeno ai greci o ai portoghesi.
Questo non è però l'unico equivoco. Incomprensioni ed errori son cominciati mesi orsono e vanno attribuiti a tutti i soggetti in campo: Germania e Polonia da un lato ma anche Russia e la stessa Ucraina dall'altro.
In Germania, soprattutto la CDU coltiva da tempo rapporti con i partiti di opposizione ucraini ed in particolare con l'astro emergente, il pugile-politico Vitali Klitschko, fissandogli continuamente incontri in Europa, finanziando il suo partito ed illudendolo di un sostegno che nei fatti non potrà garantirgli, pena la messa a rischio dei rapporti, fino ad ora positivi, che Berlino ha con Mosca. Non a caso la Cancelliera Merkel si è mostrata molto più prudente del proprio ministro degli esteri durante questi giorni di crisi.
Anche la Polonia, nella sua atavica fobia anti-russa, ha continuamente cercato di forzare di Bruxelles ad intervenire nelle questioni interne dei Paesi dell'ex Unione Sovietica. Sempre timorosa dell' "orso russo" e probabilmente incoraggiata da politici americani ancora schiavi del clima di guerra fredda, sta cercando di manovrare l'Europa come una propria leva, senza curarsi né della fattibilità, né delle conseguenze del suo patologico comportamento.
Gli errori ed i malintesi più gravidi di conseguenze negative vengono pero' proprio dal governo di Kiev e da Mosca. A noi sembra che Yanukovich mai avesse avuto una vera intenzione di associarsi all'Unione Europea, anche perche' troppo conscio delle controindicazioni economiche, politiche e sociali di tale passaggio per il proprio arretrato Paese. L'economia ucraina è talmente ancora disastrata che un alleggerimento delle barriere doganali, se pur graduale e limitato, avrebbe comportato il fallimento di numerose aziende locali. Senza contare che nuovi dazi avrebbero dovuto essere imposti, necessariamente, al confine con la Russia che doveva tutelarsi da triangolazioni delle aziende europee via Ucraina. Anche le condizioni legislative imposte dall'Unione avrebbero, probabilmente, incontrato ostacoli notevoli sia nel Parlamento che nei sentimenti di gran parte della popolazione ucraina. E non parliamo solo del caso giudiziario che riguarda l'ex primo ministro Julia Timoshenko (pure se, su questo punto, ci piacerebbe conoscere quali siano le informazioni in possesso di qualche leader europeo per giudicare che la sentenza emessa dai tribunali ucraini sia stata di carattere politico e non puramente penale).
Probabilmente l'inizio delle negoziazioni con Bruxelles è stato voluto da Yanukovich con uno scopo puramente tattico: mostrare a Mosca che i ricatti economici sempre più esosi che la Russia voleva imporre avrebbero potuto spingere l'Ucraina su una strada alternativa, certamente sgradita al Cremlino.
Ed ecco l'errore russo: dopo un periodo di idillio seguito alle elezioni di Yanukovich, Gazprom ha cominciato a chiedere un rialzo dei prezzi del gas insostenibile per le deboli finanze di Kiev oppure, in cambio, la cessione di tutta le rete di distribuzione di gas nel Paese.
Davanti a questo ricatto, nonostante le migliori intenzioni, Yanukovich non poteva dimenticare che fosse suo dovere tutelare al massimo gli interessi del suo popolo ed ha cercato di giocare tutte le carte in suo possesso contribuendo ad iniziare il pasticcio in cui oggi lui ed il suo Governo si trovano. L'errore di Mosca è stato cercar di forzare la mano con obiettivi di breve termine, dimenticando il senso della misura ed usando l'imperio anziché quel "soft power" che avrebbe creato meno problemi a tutti e che avrebbe garantito una più certa efficacia e durata nel tempo.
22 gennaio, 22:17
"Le manifestazioni di protesta in Ucraina coordinate da USA e UE"
"Le manifestazioni di protesta in Ucraina coordinate da USA e UE"
Foto: EPA
Gli ultimi sviluppi registrati in Ucraina sono frutto degli sforzi concertati degli Stati Uniti e della UE, ha dichiarato il capo redattore della rivista britannica Politics First Marcus Papadopoulos.
Gli ultimi sviluppi registrati in Ucraina sono frutto degli sforzi concertati degli Stati Uniti e della UE, ha dichiarato il capo redattore della rivista britannica
Politics First
Marcus Papadopoulos. "In Ucraina vediamo gli sforzi coordinati da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Europea per rovesciare il governo democraticamente eletto del presidente Viktor Yanukovych," - ha detto, sottolineando di esprime un suo parere personale. "La sovranità dell'Ucraina come Paese indipendente è respinta e disprezzata dai funzionari dell'Unione Europea e degli Stati Uniti, dai politici polacchi e tedeschi così come dal senatore John McCain, giunto in visita a Kiev per ispirare e sostenere le proteste dell'opposizione," - sottolinea l'esperto britannico.